Dopo i casi della pizza coronavirus e della visione mafia e terremoti della Calabria di EasyJet, si pensa ad un organo che tuteli il marketing nazionale
brand made in Italy

Brand reputation a rischio

[Torna su]

Il caso della visione della Calabria tutta mafia e terremoti di Easyjet è solo l'ultimo della serie di pubblicità che non solo non valorizzano i territori, ma fanno passare come messaggi stereotipi ormai superati. Durante il coronavirus ad animare gli animi ci aveva pensato lo spot francese che faceva satira sulla pizza "coronavirus". Anche in quel caso ad indignarsi era stata anche Adci Art Directors Club Italiano, la principale associazione di creativi e pubblicitari italiani. Tutti questi casi danno lo spunto, come ricorda il Sole 24 Ore, per pensare ad una Autorithy che lavori per tutelare il brand Italia.

Superare gli stereotipi e tutelare il marchio

[Torna su]

A pensarci è stato proprio l'Adci (Art Directors Club italiano), un'associazione che da 35 anni riunisce professionisti del settore della pubblicità e della comunicazione. L'obiettivo è lavorare per la creazione di un Authority nazionale che lavori sull'immagine del brand Italia e sul marketing territoriale, in modo coordinato e professionale. L'idea è sconfiggere i luoghi comuni e identificare «i pochi punti di debolezza del brand-Italia e lavoriamoci per modificarne il percepito in positivo; anche e soprattutto a livello internazionale».

Brand Italia e marketing territoriale, le altre idee

[Torna su]

E sempre contro i preconcetti, chiarisce Ivana Jelinic, presidente Fiavet, all'origine c'è una chiusura mentale che«non può essere sconfitta se non attraverso una lunga evoluzione della cultura sociale. Certe battute generano cali in borsa, cali di afflussi turistici, insicurezze negli acquisti di viaggio, crollo di relazioni con i nostri corrispondenti all'estero. Insomma, perdite di denaro. Quindi non guasterebbe avere un'Authority a garanzia del rispetto del 'marchio Italia', perché quando ci sono perdite economiche per una 'boutade' occorre che ci siano sanzioni economiche per correggerla»

Fiavet: necessario difendersi da preconcetti

[Torna su]

«Fermo restando il costante e importantissimo lavoro di Enit, Agenzia Nazionale del Turismo, che si prodiga nel mondo per promuovere il turismo verso il nostro Paese, abbiamo veramente bisogno di difenderci da attacchi di immagine di questo tipo al "brand Italia", una missione del tutto differente - commenta -. La chiusura mentale che è all'origine di questi preconcetti». Infine per Federturismo Confindustria L'Italia è ricca di arte, cultura, paesaggio, bellezza, enogastronomia: dobbiamo imparare a comunicarlo in modo corretto, promuoverci come meta sicura, pensando ad un grande lavoro integrato su turismo e cultura come fattori trainanti per la ripresa anche del Made in Italy».

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: