Approvato in Cdm il regolamento che disciplina l'uso del taser e lo fa entrare nelle dotazioni delle forze dell'ordine
un taser

di Redazione - Il Taser sarà nelle dotazioni delle forze dell'ordine. Il Consiglio dei ministri ha appena approvato il regolamento che ne disciplina l'uso. La pistola a impulsi elettrici entrerà quindi nelle dotazioni ordinarie delle forze di polizia. Ora, il regolamento dovrà passare il vaglio del Consiglio di Stato per poi tornare in Cdm per l'approvazione definitiva.

Taser, la sperimentazione

[Torna su]

La sperimentazione avviata in 12 città è stata superata positivamente e dunque, il taser entrerà ufficialmente nelle dotazioni delle forze dell'ordine.

Il regolamento che ne disciplina l'uso per polizia, carabinieri e guardia di finanza, approvato oggi dal Consiglio dei Ministri ora dovrà passare dal Consiglio di Stato per il necessario parere e tornare in Cdm per il via libera definitivo.

Taser, le linee guida per l'uso

[Torna su]

Sull'arma, sono state emanate delle linee guida per l'uso dal Dipartimento della Pubblica sicurezza. Il taser, definito "arma propria" deve essere tenuto ad una distanza dai 3 ai 7 metri e "va mostrato senza esser impugnato per far desistere il soggetto dalla condotta in atto". Ove il tentativo fallisca, si può sparare il colpo, considerando "per quanto possibile il contesto dell'intervento ed i rischi associati con la caduta della persona dopo che la stessa è stata attinta" recitano le linee guida. Inoltre, bisogna tenere conto della "visibile condizione di vulnerabilità" del soggetto e prestare attenzione all'ambiente circostante per evitare il rischio di incendi, esplosioni o scosse.

Taser: il nuovo regolamento

[Torna su]

Il decreto del Presidente della Repubblica che porta anche la firma del ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, approvato oggi, introduce modifiche al regolamento del 1991 che fissa i criteri "per la determinazione dell'armamento in dotazione all'Amministrazione della pubblica sicurezza e al personale della Polizia di Stato che espleta funzioni di polizia". Oltre, a pistole, fucili, sfollagente ci sarà dunque anche il taser. Una dotazione sollecitata dai sindacati di polizia ma contrastata sia da Amnesty che dal Garante dei detenuti, Mauro Palma, che da tempo ha messo in guardia sull'uso dell'arma, giustificato, a suo parere "solo in un ambito limitatissimo di casi".

Leggi anche:

- Taser: cosa sapere sui dissuasori elettrici

- Taser: al via la sperimentazione in Italia

Condividi
Feedback

(17/01/2020 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!
» Coronavirus: proroga misure fino al 13 aprile