C'è tempo fino al 16 gennaio 2020 per poter presentare le domande per accedere ai finanziamenti previsti dai bandi di Cassa Forense per gli avvocati iscritti
ombra soldi che si trasforma in razzo

di Gabriella Lax - In scadenza i bandi assistenza 2019 della Cassa forense come riportato dal sito ufficiale. C'è tempo fino al prossimo 16 gennaio per presentare le domande per partecipare ai bandi per ricevere i contributi.

Cassa forense, l'oggetto dei bandi

[Torna su]

I contributi dei bandi assistenza 2019 della Cassa forense, come stabilito, potranno servire a pagare:

  • spese di ospitalità in case di riposo o istituti per anziani malati cronici o lungodegenti;
  • l'acquisto di nuovi strumenti informatici per lo studio legale;
  • borse di studio per l'acquisizione di specifiche competenze professionali;
  • spese connesse alla concessione di mutui ipotecari per l'acquisto di prima casa o studio professionale.

Si ricorda che per partecipare ai bandi è obbligatorio essere in regola con l'invio dei Mod.5.

Spese di ospitalità in case di riposo

[Torna su]

Il bando n. 7/2019 per l'assegnazione di contributi per spese di ospitalità in case di riposo o istituti per anziani malati cronici o lungodegenti (Art. 10, lett. f Reg. Assistenza) è di 12.000 euro in caso di ricovero per l'intera annualità, ridotto in proporzione ai giorni di effettivo ricovero, per spese di ospitalità in case di riposo o istituti di ricovero pubblici o privati per anziani, malati cronici o lungodegenti. Il bando è riservato agli iscritti alla Cassa o iscritti all'Albo con procedimento di iscrizione alla Cassa in corso, non sospesi, né cancellati dall'Albo, o titolari di trattamenti pensione erogati dalla Cassa che: abbiano dimorato nel corso dell'anno 2019 in casa di riposo o istituto di ricovero pubblico o privato per anziani, malati cronici o lungodegenti o struttura equiparata; abbiano sostenuto, per la retta, spesa non soggetta a rimborso, totale o parziale, da parte di altri Enti. Il fondo previsto è di 350.000 euro.

Possono partecipare anche coloro che hanno goduto del beneficio per il 2018 ma saranno postergati rispetto a coloro che presentino la domanda per la prima volta. La domanda deve essere inviata a mezzo PEC a bandi@cert.cassaforense.it o racc. a./r.

Acquisto di nuovi strumenti informatici per lo studio legale

[Torna su]

Il bando n.9/2019 per l'assegnazione di contributi per l'acquisto di nuovi strumenti informatici per lo studio legale. Il contributo è non inferiore a 300 euro e non superiore a 1.500 euro, pari al 50% della spesa complessiva documentata e rimborsabile al netto di Iva, per l'acquisto di nuovi strumenti informatici per lo studio legale effettuato nell'anno 2018 e nell'anno 2019. Si tratta di un bando riservato agli iscritti alla Cassa o iscritti all'Albo con procedimento di iscrizione alla Cassa in corso, non sospesi, né cancellati dall'Albo, con un reddito professionale inferiore a € 50.000,00, che non abbiano percepito il medesimo contributo in forza del bando n. 9/2018, per spese sostenute per l'acquisto dei seguenti strumenti informatici, limitatamente a uno per ogni tipologia: computer fisso; computer portatile; monitor; stampante, anche multifunzione; scanner; tablet; fotocopiatrice, anche multifunzione; licenze software per la gestione degli studi legali e relativi applicativi; strumenti per la conservazione e protezione dei dati dello studio. Lo stanziamento previsto è di 2.650.000 euro. La domanda va inviata a mezzo PEC a bandi@cert.cassaforense.it o racc. a./r.

Acquisizione di specifiche competenze professionali

[Torna su]

Il bando n. 10/2019 per l'assegnazione di borse di studio per l'acquisizione di specifiche competenze professionali. Il contributo varia tra € 3.000,00 per i master/corsi/scuola di specializzazione svolti in Italia, Repubblica San Marino e Città del Vaticano, ed € 7.000,00 per i master/corsi/scuola di specializzazione svolti nel resto del mondo, pari al 50% della spesa documentata al netto di IVA, per la frequenza di un unico master/corso/scuola di specializzazione o perfezionamento di durata non inferiore a 20 ore, concluso nell'anno 2019. Bando riservato agli iscritti alla Cassa o iscritti all'Albo con procedimento di iscrizione alla Cassa in corso, non sospesi dall'Albo che non abbiano già percepito il rimborso in forza del medesimo bando per le precedenti annualità, che non abbiano superato il 45° anno di età alla data di pubblicazione del bando. Non sono previsti limiti reddituali. Per tale bando è stato previsto uno stanziamento di un milione di euro. La domanda deve essere inviata tramite l'apposita procedura on-line attivata sul sito internet della Cassa www.cassaforense.it.

Mutui ipotecari per l'acquisto di prima casa o studio professionale

[Torna su]

Il bando n. 12/2019 per l'assegnazione di contributi per spese connesse alla concessione di mutui ipotecari per l'acquisto di prima casa o studio professionale. Il contributo una tantum sino ad € 1.000,00, per ciascun beneficiario, sarà pari al 50% delle spese sostenute inerenti la concessione del mutuo ipotecario acceso nell'anno 2018 o 2019 per l'acquisto di unità immobiliari non di lusso da utilizzare quale prima casa nel comune di residenza o primo e unico studio professionale nel circondario dell'Ordine di appartenenza. Il bando è riservato agli iscritti alla Cassa o iscritti all'Albo con procedimento di iscrizione alla Cassa in corso, non titolari di pensione erogata dalla Cassa, non sospesi dall'Albo, con un reddito professionale inferiore a € 50.000,00, che non abbiano già percepito il rimborso in forza del medesimo bando per l'anno 2018. Sono rimborsabili esclusivamente le spese: di istruttoria della pratica di mutuo; di perizia/consulenza tecnica; notarili. Per tale bando è stato previsto uno stanziamento di 550.000 euro. La domanda deve essere inviata a mezzo PEC a bandi@cert.cassaforense.it.

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: