Sei in: Home » Articoli

Il mercato immobiliare italiano: ultimi dati 2019

Condividi
Seguici

Il quadro di sintesi dall'indagine di Banca d'Italia sul mercato delle abitazioni nel III trimestre 2019 e successive previsioni
case in affitto impilate su colonna di soldi
di Roberto Paternicò - Segnali non positivi dal mercato immobiliare italiano nel 2019. Dalla recente indagine di Banca d'Italia, si riducono le quotazioni degli immobili, il margine di sconto richiesto è aumentato, i tempi di vendita si sono allungati e il divario fra prezzi offerti e richiesti risulta essere la principale causa di cessazione degli incarichi a vendere per gli operatori del settore.

Mercato immobiliare 2019: il report di Bankitalia

Il quadro di sintesi della situazione nel III trimestre 2019, evidenzia:

- prezzi stabili in diminuzione;
- la percentuale di operatori che hanno venduto almeno un immobile, si attesta intorno all'80%. Valori negativi sia per gli incarichi da evadere che nella riduzione del numero degli stessi (-6,6%); Aumentano le giacenze di abitazioni invendute nelle aree non urbane;
- si riduce sia l'offerta che la domanda di abitazioni (-17,4%) e la riduzione è più marcata nelle aree non urbane. Tra le cause di decadenza del mandato a vendere prevale quella del divario fra il prezzo richiesto dal venditore e quello dei potenziali acquirenti e si riscontrano maggiori difficoltà a ottenere un mutuo. Diminuiscono, invece, i venditori che ritirano il mandato in attesa di prezzi più favorevoli;
- lo sconto medio sui prezzi di vendita, rispetto alle richieste iniziali del venditore, é tornato ai valori di due anni fa (12% circa);
- i tempi medi di vendita sono aumentati a 7,5 mesi;
- è scesa la quota di acquisti finanziati con mutui ipotecari (73,6%, valori simili al 2016) mentre è aumentato di due punti percentuali il rapporto fra il prestito e il valore dell'immobile (76,2%);
- reggono, ancora, le locazioni. Il saldo fra giudizi di aumento e di riduzione dei canoni di locazione è tornato lievemente negativo, con un miglioramento nelle aree urbane.
Peggiorano le previsioni da parte degli operatori del settore e il saldo fra aspettative di miglioramento e peggioramento è tornato negativo in tutte le aree geografiche (-12,3% a livello nazionale).
Su un orizzonte di medio termine (2 anni), si prevede che il mercato rimarrà stabile (40% degli operatori) mentre per un terzo si prefigura un miglioramento.

Assibot
(11/12/2019 - Dott.Roberto Paternicò) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Taser a tutte le forze dell'ordine
» Stop chiamate call center anche sui cellulari

Newsletter f t in Rss