Sei in: Home » Articoli

Madre biologica resta sconosciuta in presenza di altri figli

Condividi
Seguici

Il Tribunale per i Minorenni di Genova respinge l'istanza di una donna volta a conoscere l'identità della madre deceduta che aveva chiesto l'anonimato essendo presenti altri figli biologici
donna che mette mano davanti al volto
di Lucia Izzo - Nulla di fatto per la donna adottata che desidera conoscere l'identità dei propri genitori biologici e in particolare quella della propria madre che nell'atto di nascita aveva chiesto di non essere nominata se, essendo quest'ultima deceduta, emerge che la donna abbia avuto altri figli. Il diritto alla riservatezza dei fratelli e delle sorelle limita il diritto dell'adottato di conoscere le proprie origini.

  1. Il caso
  2. Diritto a conoscere l'identità dei genitori biologici e presenza di fratelli e sorelle
  3. Madre biologica resta sconosciuta se ci sono altri figli biologici

Il caso

Lo ha chiarito il Tribunale per i minorenni di Genova in un decreto datato 13 maggio 2019 (sotto allegato) pronunciandosi sull'istanza proposta da una donna sessantenne che aveva chiesto di essere autorizzata ad accedere a tutte le informazioni inerenti la propria origine nonché di conoscere l'identità dei propri genitori biologici, in particolare quella della propria madre biologica.

Una precedente istanza della stessa era stata dichiarata inammissibile nel 2011, trattandosi di figlia di madre che non intendeva essere nominata; la richiesta è stata riproposta alla luce della sentenza n. 278/2013 della Corte Costituzionale che ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 28, comma 7 della legge 184/1983 nella parte in cui non prevede la possibilità per il giudice di interpellare, su richiesta del figlio, la madre che abbia dichiarato di non voler essere nominata ai fini di un eventuale revoca di tale dichiarazione.

Diritto a conoscere l'identità dei genitori biologici e presenza di fratelli e sorelle

La Consulta non ha però preso in considerazione la presenza di soggetti terzi e, pertanto, il giudice ligure non può far a meno di considerare anche quanto stabilito dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 6963/2017 che ha trattato il tema della presenza di eventuali fratelli e sorelle biologici e del loro diritto alla riservatezza.

Gli Ermellini hanno ritenuto non direttamente ostensibili i dati relativi a queste persone, ritenendo che prima i fratelli e le sorelle debbano essere interpellati con un procedimento che tuteli la loro riservatezza.

D'altronde, "può legittimamente determinarsi una contrapposizione tra il diritto del richiedente di conoscere le proprie origini, e quello delle sorelle e dei fratelli a non voler rivelare la propria parentela biologica e a non voler mutare la costruzione della propria identità attraverso la conoscenza d'informazioni ritenute negativamente incidenti sul raggiunto equilibrio di vita".

Spesso infatti, rileva il Tribunale, la decisione della madre di revocare o meno l'anonimato è influenzata proprio dalla presenza o meno di eredi e, in particolare, dalla conoscenza da parte degli stessi della vicenda adottiva, ovvero dei figli avuti in passato. Si tratta di vicende particolarmente delicate e spesso legate a situazioni dolorose.

Madre biologica resta sconosciuta se ci sono altri figli biologici

Secondo i giudici non è possibile rivelare le generalità della madre senza rivelare quella dei fratelli in quanto sarebbe assai semplice effettuare una verifica poi entrare in contatto con i fratelli, senza che gli stessi siano stati preparati e informati.

Inoltre, nel caso in esame, essendo la madre deceduta, neppure si possono interpellare i fratelli poiché, in assenza di elementi certi dai quali desumere che gli stessi siano a conoscenza della vicenda adottiva, si rischia di rivelare loro un dato particolarmente sensibile. La sola depositaria di tale segreto, infatti, è la madre ormai deceduta.

Il collegio ritiene che, in assenza di una soluzione che possa bilanciare i contrapposti interessi, non sia possibile consentire alla donna di conoscere l'identità della madre in quanto si coinvolgerebbero inevitabilmente soggetti terzi potenzialmente portatori di interessi contrapposti.

L'istante potrà soltanto accedere alla Cartella Clinica e a copia dell'atto integrale di nascita, con omissione di ogni dato utile alla identificazione della madre e degli altri parenti della stessa.
Scarica pdf Tribunale Minorenni Genova decreto 13 maggio 2019
(05/09/2019 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: l'equo compenso non funziona
» Intralciare l'ambulanza? Si rischia una multa fino a 173 euro

Newsletter f t in Rss