Sei in: Home » Articoli

Cybersecurity, le linee guida italiane

Condividi
Seguici

Il vademecum è stato redatto in attuazione delle previsioni della Direttiva europea Nis (Network and information security) sul rafforzamento delle risposte da parte degli Stati membri ad un attacco cibernetico
computer internet telematico

di Gabriella Lax - Sulla Cybersecurity ecco le linee guida italiane, redatte in attuazione delle previsioni della Direttiva europea Nis (Network and information security) sul rafforzamento delle risposte da parte degli Stati membri ad un attacco cibernetico.

Cybersecurity, cos'è

Il tema della sicurezza informatica e della relativa protezione di reti e sistemi informatici, è in continuo sviluppo non solo dal punto di vista tecnico, ma anche da quello giuridico e normativo.

Ricordiamo che, per cyber security s'intendono le tecniche, mezzi e tecnologie che consentono di proteggere un sistema informatico da attacchi malevoli provenienti dall'esterno, mirati a sottrarre dati e informazioni o a compromettere il funzionamento del sistema stesso.

Le linee guida

Per arrivare all'approvazione delle linee guida per la gestione dei rischi e la prevenzione e mitigazione degli incidenti che hanno un impatto rilevante sulla continuità e sulla fornitura dei servizi essenziali, c'è voluto un gran lavoro, in sinergia, coordinato dal Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (Dis) con tutti gli "attori Nis" italiani, insieme ai Ministeri dello sviluppo economico, delle infrastrutture e dei trasporti, dell'economia e delle finanze, della salute, dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, in collaborazione con Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano.

Tra qualche giorno, il vademecum sarà condiviso con organizzazioni pubbliche e private che garantiscono i servizi indispensabili nei settori energia, trasporti, bancario, infrastrutture dei mercati finanziari, sanitario, fornitura e distribuzione di acqua potabile. È un fondamentale passo in avanti sul fronte della sicurezza cibernetica e della protezione dei dati, perché agli Operatori di servizi essenziali, vengono indicati gli strumenti e le procedure necessari per innalzare la sicurezza di reti e sistemi, e garantire, quindi, la resilienza dell'intero Sistema-Paese. Gli Ose avranno poi tra i quattro ed i dodici mesi di tempo per uniformarsi alle linee guida, a seconda delle specificità settoriali con l'assistenza delle Autorità competenti a cui sono affidate anche attività ispettive.

Vai alla guida Cybersecurity

(05/07/2019 - Gabriella Lax)
In evidenza oggi:
» Reato per il cacciatore che spara vicino alle case
» Intralciare l'ambulanza? Si rischia una multa fino a 173 euro

Newsletter f t in Rss