Sei in: Home » Articoli

Militari: avvicinamento al nucleo familiare

Condividi
Seguici

Il Tar Reggio Calabria conferma l'applicabilità dell'art. 42 bis d. lgs. 151/01 al comparto Forze Armate, Forze di Polizia, Personale Militare
piatti bilancia in equilibrio simbolo di giustizia
Avv. Francesco Pandolfi - La discussione è sempre accesa quando si parla, in generale, di assegnazione temporanea di militari in forza dell'art. 42 bis d. lgs. n. 151/01 e, in particolare, delle sentenze che si susseguono incessantemente su questo delicato fronte.
  1. Il caso
  2. La soluzione
  3. In pratica

Il caso

Una recente pronuncia, la n. 216 dell'11.04.2019 del Tar Reggio Calabria Sezione 1, rifocalizza l'attenzione proprio sul tema dell'avvicinamento del militare al nucleo familiare in presenza di minori da assistere e tutelare.

La sentenza di cui parliamo accoglie il ricorso di un Agente della Polizia di Stato, al quale il Ministero dell'Interno ha negato il predetto avvicinamento, impedendo così l'assistenza alla figlia minore di tre anni.

La soluzione

Il Tar, come anticipato, decide di accogliere la domanda di annullamento proposta dal dipendente.

Vediamo perché.
Il principio di fondo su cui ribatte il Collegio di Magistrati è quello per cui il nostro Ordinamento accorda un regime di particolare favore per il genitore dipendente e per il figlio minore, in ossequio a norme di rango comunitario e costituzionale che presidiano la delicata fattispecie.

La disposizione, a parere dell'attento Collegio, risulta pacificamente applicabile anche al personale delle forze di polizia; ogni eventuale limitazione nell'applicazione del beneficio a favore del dipendente va sorretta da una motivazione stringente, che faccia capire chiaramente le ragioni che inducono a ritenere prevalenti le esigenze di servizio rispetto al bisogno assistenziale posto a base della richiesta di assegnazione temporanea.

Si segnala, con l'occasione, che la pronuncia 216 in commento, pubblicata in data 11.04.2019, segue la pubblicazione del 21.03.2019 della sentenza n. 1896 del C.d.S., che risulta stranamente di segno contrario.

In pratica

L'Amministrazione, nel motivare il diniego, non può riferirsi ad ordinarie esigenze di servizio del militare; deve invece fornire spiegazioni circostanziate sulle conseguenze date dalla sostituzione del dipendente.


Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed и autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(22/04/2019 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Cassazione: non può essere condannato chi reagisce al bullo
» Cassazione: è reato permanente non mantenere i figli

Newsletter f t in Rss