Sei in: Home » Articoli

Sospensione patente: attenzione a chi firma il decreto

Come emerge da una recente sentenza del GdP di Grosseto, talvolta accade che il funzionario che firma la sospensione non possa validamente farlo
Pupazzo con una penna in mano

di Valeria Zeppilli - Il decreto di sospensione della patente di guida, conseguente alla violazione dei limiti di velocità su strada, può essere invalido per tante ragioni, alcune delle quali difficili da scorgere per la maggior parte degli automobilisti. Ma non per i più attenti e oculati, come quello difeso dall'Avv. Roberto Iacovacci nel giudizio instauratosi dinanzi al Giudice di pace di Grosseto e conclusosi con la sentenza numero 549/2018 qui sotto allegata.

La delega prefettizia

Nel caso di specie, infatti, ad aver "salvato" l'automobilista dalla sospensione della patente di guida è stata l'assenza di idonea delega rilasciata dal Prefetto al Funzionario che ha sottoscritto il relativo decreto.

"Frugando" tra le carte relative alla sanzione accessoria impugnata, l'uomo, con il supporto del suo avvocato, era infatti riuscito a scoprire che, tra le materie delegate dal Prefetto al Funzionario, non rientrava anche il potere di disporre la sospensione delle patenti di guida in applicazione di sanzioni accessorie alla condanna penale irrogata dal Giudice ordinario agli automobilisti scoperti a guidare oltre i limiti di velocità consentiti.

Sospensione annullata

Il Prefetto, dinanzi a tale obiezione, non è riuscito adeguatamente a difendersi: nella costituzione (avvenuta dopo che il Giudice di Pace aveva già concesso all'automobilista l'inibitoria) si era limitato a rilevare che nel decreto di sospensione della patente erano stati indicati gli estremi del provvedimento prefettizio di delega.

Il contenuto di tale provvedimento, però, non è bastato a giustificare la sospensione.


Si ringrazia il Consulente Tecnico Investigativo Giorgio Marcon per la cortese segnalazione

Scarica pdf sentenza Gdp Grosseto numero 549/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(05/04/2019 - Valeria Zeppilli)

In evidenza oggi:
» Responsabilità medica: la Cassazione sui danni del ritardo diagnostico
» Status di animale domestico al coniglio, multe e carcere per chi ne fa pellicce
» La madre perde la figlia se sussistono gli 8 sintomi dell'alienazione parentale
» Scuola, si cercano 66mila insegnanti
» Licenza armi: condanna per reato ostativo al rinnovo
Newsletter f t in Rss