Sei in: Home » Articoli

Conciliazione vita-lavoro: un mese in più per lo sgravio

Condividi
Seguici

L'Inps comunica che slitta di un mese la fruizione dello sgravio contributivo sulla conciliazione vita-lavoro
uomini e donne muovono ingranaggi per lavoro difficile di squadra

di Redazione - Un mese in più per fruire dello sgravio per la conciliazione vita-lavoro. Slitta a dicembre e gennaio 2019, infatti, in luogo di novembre e dicembre 2018, la possibilità di fruire dello sgravio contributivo sulla conciliazione tra vita professionale e privata. Lo ha precisato l'Inps nel messaggio n. 4823/2018 (sotto allegato).

Beneficio sgravio conciliazione vita-lavoro

Con la circolare n. 91/2018 l'istituto ha illustrato le modalità operative per l'attribuzione e fruizione del beneficio dello sgravio contributivo previsto dal decreto interministeriale 12 settembre 2017, spiega l'Inps, "per i datori di lavoro che stipulino contratti collettivi aziendali contenenti misure volte a favorire la conciliazione tra la vita lavorativa e la vita privata dei lavoratori".

Avendo concluso le operazioni di controllo sul deposito del contratto aziendale e di calcolo della misura del beneficio, l'istituto informerà i datori di lavoro, mediante comunicazione all'interno del modulo di istanza "Conciliazione Vita-Lavoro 2018" della piattaforma "DiResCo", dell'esito della domanda e dell'importo di sgravio eventualmente riconosciuto.

Più tempo per lo sgravio

Inoltre, a parziale rettifica della circolare 91/2018, allo scopo di agevolare i datori di lavoro nella fruizione del beneficio, precisa l'Inps, "il relativo conguaglio può essere effettuato sulle denunce relative a dicembre 2018 e gennaio 2019, su una o più mensilità".

Scarica pdf messaggio Inps n. 4823/2018
(29/12/2018 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Cassazione: sms e e-mail fanno piena prova in giudizio
» Multe anche al conducente se il passeggero non mette il casco o la cintura
» Il contratto di comodato - guida con fac-simile
» Il licenziamento orale
» Il padre mantiene la figlia avvocato non ancora autosufficiente

Newsletter f t in Rss