Sei in: Home » Articoli

Riforma prescrizione: tu cosa pensi? Partecipa al sondaggio

La riforma della prescrizione continua ad alimentare un intenso dibattito all'interno del mondo politico, della giustizia e non solo. Tu cosa ne pensi? Rispondi al sondaggio
Persona che risponde a un sondaggio

di Redazione - La riforma della prescrizione, che secondo le intenzioni del governo non opererà più dopo il processo di primo grado a partire dal 2020, continua a dividere il mondo della giustizia e non solo.

Dalla parte di chi sostiene la necessità della riforma, la motivazione addotta è quella di evitare che troppi reati restino impuniti, specialmente quando si tratta di reati che creano un particolare allarme sociale. La riforma mira, infatti, a scongiurare il pericolo che gli autori di gravi delitti possano farla franca creando nelle vittime l'ulteriore frustrazione di veder sfumare l'intero procedimento per via del decorso del tempo.

Dall'altra, chi si oppone alla riforma fa notare, al contrario, che per rimediare al problema dei procedimenti che si prescrivono non va riformato l'istituto della prescrizione ma va velocizzato il processo penale. Allungando i tempi della prescrizione, invece, si andrebbero a danneggiare tutti coloro che sono ingiustamente accusati di un reato che non hanno commesso e che in tal modo resterebbero sotto accusa sine die con tutte le conseguenze che ciò comporta anche sul piano dei rapporti sociali.

E tu cosa ne pensi? Sei favorevole o contrario alla riforma della prescrizione? Vota il sondaggio:



Apri il box del sondaggio in altra pagina


Lascia un commento su Facebook:

RIFORMA PRESCRIZIONE: TU COSA PENSI? PARTECIPA AL SONDAGGIO La riforma della prescrizione continua ad alimentare un...

Pubblicato da Studio Cataldi su Lunedì 12 novembre 2018
(12/11/2018 - Redazione) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Cassazione: bigenitorialità non vuol dire tempi uguali coi figli
» L'avvocato diventa sempre più "fashion"
» Addio a WhatsApp e Telegram, arriva Dostupno
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» L'avvocato diventa sempre pił "fashion"
Newsletter f g+ t in Rss