Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Corte Ue, le ferie non si perdono automaticamente se non sono state richieste

Secondo la Corte di giustizia Ue un lavoratore non può perdere automaticamente i diritti alle ferie annuali retribuite maturati perché non ha richiesto le ferie
uomo che si lancia da un aereo con le valigie concetto vacanza

di Gabriella Lax – I lavoratori non potranno perdere automaticamente i diritti alle ferie annuali retribuite maturati perché non hanno richiesto le ferie. Ed ancora, il diritto all'indennità per ferie non godute non si estingue se il lavoratore passato a miglior vita, ma si trasmette agli eredi. Queste le due significative sentenze (nelle cause C-619/16 e C-684/16) della Corte di giustizia europea.

Corte Ue, le decisioni sui diritti alle ferie annuali retribuite maturati

Il caso, all'attenzione dei giudici del Lussemburgo, è quello di un lavoratore che, al termine del rapporto di lavoro, vede rigettata la richiesta di liquidazione dell'indennità di ferie non godute. Un diniego motivato dal fatto che, due mesi prima della fine del rapporto, il datore di lavoro aveva invitato il lavoratore a fruire della rimanenza di ferie, senza costringerlo a osservare date prefissate. Lo stesso lavoratore ha deciso di usufruire di soli due giorni di tutto il periodo di ferie maturato (quello cd minimo-legale), pari a quattro settimane annue che non può mai essere monetizzato se non alla fine del rapporto lavorativo. Non vedendosi ripagate le ferie non fruite, il lavoratore fa causa all'azienda.

La Corte di giustizia dell'Ue, nel rispondere alla Corte del lavoro tedesca e al Tribunale amministrativo superiore di Berlino ha deciso che i lavoratori non potranno perdere automaticamente i diritti alle ferie annuali retribuite maturati perché non hanno richiesto le ferie.

La stessa Corte ha però evidenziato che «se il datore di lavoro dimostra che il lavoratore, deliberatamente e con piena consapevolezza, si è astenuto dal fruire delle proprie ferie annuali retribuite, dopo essere stato messo nella condizione di esercitare in modo effettivo il suo diritto, le norme dell'Unione non sono contrarie alla perdita di tale diritto, né (in caso di cessazione del rapporto di lavoro) alla correlata mancanza di un'indennità finanziaria».

Secondo la Corte, infatti, è del tutto incompatibile con l'istituto delle ferie qualunque interpretazione del diritto Ue che sia tale da incentivare il lavoratore ad astenersi deliberatamente dal fruire le proprie ferie annuali al fine d'incrementare la propria retribuzione all'atto della cessazione del rapporto. Perché obiettivo delle ferie è quello di garantire al lavoratore il beneficio di un riposo effettivo, per assicurare una tutela efficace della sua sicurezza e della sua salute. La Corte precisa, ancora, che i principi si applicano sia in caso di occupazione nel settore pubblico sia in quello privato.

Corte di giustizia Ue, indennità ferie non godute trasmissibile a eredi

Gli eredi di un lavoratore deceduto possono chiedere all'ex datore di lavoro un'indennità finanziaria per le ferie annuali retribuite non godute. Il diritto del lavoratore a un'indennità finanziaria per le ferie non godute infatti è trasmissibile agli eredi. Così la Corte di giustizia chiarisce che la morte di un lavoratore non estingue il diritto alle ferie annuali retribuite e gli eredi dello stesso possono chiedere un'indennità per le ferie non godute. Nel caso in cui il diritto nazionale escluda una simile possibilità e risulti quindi incompatibile con il diritto dell'Unione, gli eredi possono invocare la normativa Ue.

(07/11/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera
» Asili e case di riposo: in arrivo le telecamere
» Bruciare rami e sterpaglie è reato?
» Congedi papà: addio ai cinque giorni
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera

Newsletter f g+ t in Rss