Sei in: Home » Articoli

Processo civile telematico: sempre valida la notifica alla pec

Per la Cassazione, anche se il destinatario della notifica ha omesso di eleggere domicilio nel Comune ove pende la lite, non è possibile la notifica presso la cancelleria
 notifica di ricezione mail su computer

di Valeria Zeppilli - La posta elettronica certificata non rende più indispensabile eleggere domicilio presso il Comune ove si trova l'ufficio giudiziario dinanzi al quale pende la controversia della quale si è parte.

Domicilio digitale

Alla p.e.c., infatti, corrisponde il domicilio digitale del difensore che, come ricordato di recente dalla Corte di cassazione nella sentenza numero 23620/2018 qui sotto allegata, impedisce la notifica presso la cancelleria dell'ufficio giudiziario dinanzi al quale pende la lite anche se il destinatario ha omesso di eleggere domicilio "fisico" in quel Comune. Ciò salvo che anche l'indirizzo di posta elettronica certificata non sia accessibile per cause imputabili al destinatario.

Vizi di natura procedimentale

Inoltre, in caso di notificazione in via telematica, gli eventuali vizi di natura procedimentale (come ad esempio l'estensione .doc anziché .pdf) restano privi di significato se viene comunque raggiunto il risultato della conoscenza dell'atto notificato via p.e.c.. A tal fine è comunque indispensabile che l'erronea applicazione della regola processuale non abbia leso il diritto di difesa né abbia comportato altro pregiudizio per la decisione.

Oggetto non chiaro

In tal senso, come affermato dai giudici nella recente sentenza, la mancata indicazione della dizione "notificazione ai sensi della legge n. 53 del 1994" nell'oggetto della p.e.c. costituisce una mera irregolarità se il destinatario ha comunque ricevuto la notificazione e ha mostrato di averne ben compreso il contenuto.

Corte di cassazione testo sentenza numero 23620/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed � dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche � Diritto del lavoro presso l'Universit� 'G. D'Annunzio' di Chieti � Pescara
(01/10/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Il decreto ingiuntivo lo farà l'avvocato?
» Cassazione: bisogna fermarsi sempre allo stop anche a strada libera
» Responsabilit medica: la Cassazione sminuisce le linee-guida
» Sta col padre il figlio che lo rifiuta
» Cassazione: esentasse le cause sotto i 1.000 euro
Newsletter f g+ t in Rss