Sei in: Home » Articoli

Taser in dotazione anche ai vigili urbani

Tra le principiali misure del Decreto Sicurezza approvato dal Governo la possibilità, in via sperimentale, per i comuni con più di 100 mila abitanti di avere due poliziotti municipali dotati di "armi comuni a impulso elettrico"
persona in possesso di un taser rosa

di Gabriella Lax – Sarà possibile per i comuni con più di 100 mila abitanti avere due poliziotti municipali dotati di «armi comuni ad impulso elettrico». Questa è una delle principali misure, che riguarderà 45 città, contenute nel Decreto Sicurezza che ha stabilito, tra l'altro, una stretta sui noleggi di auto e furgoni per evitare che vengano usati dai terroristi contro la folla, braccialetto elettronico anche contro gli stalker e daspo urbano più severo, oltre a diverse misure sull'immigrazione.

Leggi Decreto sicurezza e migranti: cosa prevede

Taser a vigili urbani nei comuni con più di 100mila abitanti

Secondo le nuove norme, i comuni con più di 100 mila abitanti, potranno dotare 2 poliziotti municipali di «armi comuni ad impulso elettrico» in via sperimentale per un periodo di sei mesi.

Al termine del periodo, i Comuni, «con proprio regolamento» potranno decidere di assegnare l'arma ai reparti. I poliziotti locali, inoltre, se «addetti ai servizi di polizia stradale» e «in possesso della qualifica di agente di pubblica sicurezza» possono accedere al Ced (Centro elaborazione dati) delle forze di polizia per «verificare eventuali provvedimenti di ricerca o di rintraccio» nei confronti delle persone controllate.

(25/09/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Manovra e decreto fiscale: le novità punto per punto
» Seggiolini salva bebé: legge in vigore dal 27 ottobre
» Multe e bollo auto: fino a mille euro debiti cancellati
» Giudici onorari minorili: ecco il bando, domande fino al 9 novembre
» Poste Italiane: 7.500 assunzioni nel 2019

Newsletter f g+ t in Rss