Sei in: Home » Articoli

Modello F24: i codici tributo per la pubblicità immobiliare

L'Agenzia delle Entrate ha indicato i codici tributo da utilizzare a seguito dell'estensione del modello F24 per le operazioni riguardanti la pubblicità immobiliare
F24 modello visto da vicino

di Redazione - A seguito dell'estensione dell'uso del modello F24 per i pagamenti delle somme dovute per le operazioni inerenti al servizio ipotecario, operata con il provvedimento del 26 giugno scorso, l'Agenzia delle Entrate ha istituito i relativi codici tributo.

Leggi anche:

- Scatta dal 1° luglio la modifica del modello F24

- Imposte e sanzioni ipotecarie ora si pagano con l'F24

I nuovi codici tributo

Con la risoluzione n. 48/E del 2 luglio scorso (sotto allegata), sono stati indicati infatti i relativi codici tributo da esporre nella sezione Erario dell'F24, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna "importi a debito versati" con l'indicazione negli appositi campi "codice atto" e "anno di riferimento" dei dati riportati nell'atto notificato al contribuente.

Di seguito i nuovi codici tributo:

- T020 Pubblicità immobiliare - Imposta di bollo - avviso di liquidazione;
- T021 Pubblicità immobiliare - Imposta ipotecaria - avviso di liquidazione;
- T022 Pubblicità immobiliare – Tassa ipotecaria - avviso di liquidazione;
- T023 Pubblicità immobiliare – Sanzione art. 16, D.lgs. 472/1997 - atto di contestazione e irrogazione sanzioni.

Per il versamento delle spese di notifica, l'Agenzia precisa che è sempre valido il vigente codice tributo 806T.

Restano ferme le attuali modalità di pagamento telematico delle somme richieste ai notai, agli ufficiali giudiziari, ai segretari o delegati della pubblica amministrazione e agli altri pubblici ufficiali, per gli atti dagli stessi redatti, ricevuti o autenticati.

Vai alla guida Il modello F24

Agenzia Entrate risoluzione 48/E/2018
Condividi
Seguici

(10/07/2018 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera
» Asili e case di riposo: in arrivo le telecamere
» Bruciare rami e sterpaglie è reato?
» Arriva il certificato di successione
» Inps: le somme pagate in più non vanno restituite

Newsletter f g+ t in Rss