Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Comodato d'uso gratuito verbale

Il codice civile non prescrive particolari requisiti di forma per il comodato, che, se stipulato verbalmente, non sempre è sottoposto a registrazione
stretta di mani che suggella accordo su contratto affitto

di Valeria Zeppilli - Il comodato d'uso è quel contratto con il quale una parte consegna a un'altra un determinato bene, mobile o immobile, affinché la stessa se ne serva per un uso determinato. In forza di quanto previsto dall'articolo 1803 del codice civile, il comodato è essenzialmente gratuito.

Vai alle guide Il comodato: guida e modello e Il comodato d'uso


  1. La forma verbale del comodato d'uso
  2. Il comodato d'uso gratuito va registrato?

La forma verbale del comodato d'uso

La legge non prescrive nessuna particolare forma per la stipula di un contratto di comodato d'uso, con la conseguenza che, sebbene l'accordo scritto è generalmente privilegiato, è ben possibile che lo stesso venga concluso tra le parti verbalmente.

Se quest'ultima è l'opzione prescelta, quindi, non è necessario reperire alcun modello per stipulare il contratto, ma è sufficiente una semplice stretta di mano tra le parti. Il che presuppone che tra le stesse vi sia un forte legame di fiducia.

Il comodato d'uso gratuito va registrato?

Al contrario di quanto prescritto per i comodati d'uso di beni immobili redatti in forma scritta, per i quali è previsto l'obbligo di registrazione entro 20 giorni dalla data dell'atto, se il bene immobile è dato in comodato d'uso da una parte a un'altra dietro accordo verbale, la registrazione è richiesta solo se il comodato è enunciato in un altro atto soggetto a registrazione.

È comunque possibile registrare i contratti di comodato d'uso gratuito di immobili stipulati verbalmente se ciò è necessario per beneficiare dell'agevolazione IMU/TASI introdotta nel nostro ordinamento dalla legge di stabilità 2016 (che prevede il dimezzamento della base imponibile per le unità immobiliari concesse in comodato dal proprietario ai parenti in linea retta, entro il primo grado, che le utilizzano come abitazione principale, con esclusione di quelle riconducibili alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9).

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche - Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara
(07/06/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Riforma processo civile: ecco la bozza
» Cassazione: illegittima la sentenza che liquida solo spese vive senza onorari
» Cassazione: bigenitorialità non vuol dire tempi uguali coi figli
» Legge 104: congedo straordinario anche al figlio non convivente
» RcAuto, pagare a rate non conviene
Newsletter f g+ t in Rss