Sei in: Home » Articoli

Animali, libero accesso nei luoghi pubblici: la proposta

Presentata alla Camera la proposta di legge sull'accesso degli animali d'affezione nei luoghi pubblici, nei negozi e nelle strutture sanitarie
cartello vietato ingresso ai cani
di Marina Crisafi - Basta "io non posso entrare". Sì al libero accesso agli animali d'affezione nei luoghi pubblici, nei pubblici esercizi e nelle strutture sanitarie. È quanto propone il ddl depositato alla Camera dalla pieddina Silvia Fregolent (sotto allegato) che mira a modificare la normativa esistente per consentire l'accesso degli amici a quattro zampe in diversi luoghi.

Nello specifico, la pdl ha il fine, "pur nel rispetto delle competenze delle regioni" si legge nella presentazione, "a fornire una cornice legislativa unitaria in merito all'accesso degli animali di affezione nei luoghi pubblici, nei pubblici esercizi e nelle strutture sanitarie".

Animali in pubblico, accesso sempre consentito

La nuova normativa, nel dettaglio, va a modificare la legge n. 281/1991 (legge quadro sugli animali d'affezione e randagismo), sulla base delle ultime sentenze intervenute in materia di libertà di movimento dei cittadini, che non può essere eccessivamente limitata quando questi sono accompagnati da animali di affezione, lasciando alla potestà legislativa e regolamentare delle regioni la disciplina delle modalità di accesso e il suo coordinamento con le norme igienico-sanitarie e di salute pubblica.

Il ddl composto da un unico articolo inserisce, infatti, dopo l'art. 1 della legge 281, l'articolo 1-bis che al comma 1 consente "sempre l'accesso degli animali di affezione nei luoghi pubblici, nei modi e nei termini stabiliti dalle regioni". Analogamente, viene consentito l'accesso nei pubblici esercizi, salvo che non sia diversamente previsto dalle regioni e sempre nei modi e nei termini da esse stabiliti. Infine, al comma 3, è sempre consentito, "nel rispetto delle norme igienico-sanitarie e nei modi e termini stabiliti dalle regioni e dalle aziende sanitarie locali e ospedaliere, l'accesso degli animali di affezione nelle strutture di ricovero, anche a lunga degenza, al fine di consentire ai malati ricoverati il prosieguo del loro rapporto di affezione con i loro animali".

Ddl animali luoghi pubblici
(15/05/2018 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Addio divorzio breve, arriva la mediazione
» Bestemmia: multa solo per chi offende Dio
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss