Sei in: Home » Articoli

Via libera agli animali domestici sui mezzi pubblici

Approvata dalla regione Toscana una legge che consente libero accesso sui mezzi pubblici a cani, gatti e animali d’affezione
cane e gatto viaggiatori su autobus

di Marina Crisafi - Presto cani e gatti saliranno liberamente sugli autobus e gli altri mezzi pubblici. È quanto ha deciso la regione Toscana approvando all'unanimità la proposta di legge del M5S.

I proprietari non dovranno privarsi dei propri animali sui mezzi di trasporto

"Quando le proposte sono ragionevoli, le accogliamo senza pregiudizi di sorta – ha affermato in conferenza stampa il presidente della commissione ambiente in consiglio regionale, Stefano Baccelli, a margine dell'approvazione del testo di legge presentato dal Movimento 5 Stelle per consentire l'accesso degli animali d'affezione sui mezzi di trasporto pubblici nel territorio regionale.

Il fine era "trovare un punto di equilibrio tra l'esigenza ragionevole di non privarsi dei propri animali anche sui mezzi di trasporto – e le ovvie – ragioni di sicurezza e igiene" ha proseguito Baccelli, spiegando che la proposta è stata oggetto di diverse osservazioni nel corso dei lavori in commissione.

Accesso degli animali d'affezione sui mezzi di trasporto: cosa dice la nuova legge

La nuova legge punta a garantire il ''libero accesso agli animali d'affezione sugli autobus del trasporto pubblico regionale, purché nelle condizioni di non nuocere ad alcuno''.

La disciplina, spiega in conferenza stampa Baccelli, riguarda non soltanto "il sistema del trasporto pubblico locale, ma anche quei mezzi che transitano nella nostra regione, che possono cioè provenire fuori dai nostri confini e anche attraversarli''.

In alcuni casi, tuttavia, "il personale sugli autobus – potrà a propria discrezione - decidere se ammettere o meno l'accesso agli animali" ha proseguito il presidente Baccelli. E ciò "evidentemente per ragioni di salute, piuttosto che di igiene".

La legge entrerà in vigore con i tempi della pubblicazione e dovrebbe avere immediata applicazione.

(22/06/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Il genitore non può imporre al figlio la sua religione
» Stalking: arriva l'app per raccogliere le prove
» Privacy: da oggi in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati
» Costi occulti nella telefonia mobile: come difendersi?
» Risarcimento vedova: la pensione di reversibilità non si tocca


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss