Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: diritto al futuro

L'Asla, Associazione studi legali associati, enuclea i numeri dell'avvocatura e le prospettive per il futuro in vista dell'evento del 18 maggio
orizzonte futuro sunset

di Gabriella Lax - I dati sull'avvocatura recentemente diffusi dalla Cassa forense parlano chiaro: la professione non fa più presa sui giovani e, soprattutto, penalizza gli avvocati donna.

A commentare la situazione è Giovanni Lega, presidente dell'Asla (Associazione studi legali associati) sul Sole 24 Ore, riportando una crescita rallentata rispetto agli anni passati: tuttavia tanti (anche troppi) gli avvocati che sono passati dagli 87mila nel 1996 ai 242mila attuali, con una in media di quattro ogni mille abitanti. Una professione che terrorizza quasi i giovani, preoccupati di tenere il passo con il mondo che cambia. Da questo angolo visuale l'età media è aumentata di circa 3 anni in soli dieci anni, passando dai 42 del 2007 agli attuali 45.

Aumentano le donne avvocato, ma i redditi sono più bassi

Le donne avvocato aumentano: se nel 1981 erano solo il 7% del totale nel 1981, sono oggi il 50%, ma i loro redditi sono al di sotto di quelli dei loro colleghi ossia circa il 43% di quello dei colleghi uomini. Si consideri che nel 2016 il reddito medio dichiarato dagli uomini è stato di 52.729 euro contro i 23.115 euro delle donne. Ancora, secondo AslaWoman, negli ultimi anni il numero di avvocate socie negli studi membri è passato dal 16,9% del 2013 al 24,7% del 2016.

Il presidente Lega a questo punto si interroga su quali progettualità, quali prospettive possa avere i giovani che si affacciano oggi al mondo della professione di avvocato. Di queste tematiche si discuterà nel corso di "Asla. Diritto al Futuro", un confronto sui grandi temi dell'innovazione e sulla professione del domani, organizzato dall'Associazione studi legali associati il prossimo 18 maggio a Milano. «Non possiamo sapere con precisione come sarà tra cinquant'anni l'avvocatura, ma è doveroso cogliere e riflettere – fin da subito, tutti insieme – sui trend che stanno cambiando il mondo e anche una professione che, praticamente, è rimasta immutata da secoli».

Avvocati, non solo preparazione giuridica, ma anche specializzazione

Un ruolo importante è quello degli atenei che, insieme al mondo professionale, «dovrebbero creare percorsi specializzanti in grado di far entrare i giovani nel mondo del lavoro a un'età in linea con quella degli altri Paesi internazionali» suggerisce Lega. E aggiunge che non solo la preparazione giuridica, ma anche l'apertura «a competenze di gestione manageriale, tecnologia, digitale, intelligenza artificiale, valori che – come nelle aziende nostre clienti – acquisiscono sempre più significato anche per l'avvocatura: così come è realtà il mondo dell'Industria 4.0, credo che si possa affermare che anche negli studi legali si sia alle soglie dei Servizi 4.0». Proprio perché ogni campo, oggi, richiede «specializzazione, investimenti e visione, al fine di creare piattaforme, database e servizi comuni, nella consapevole certezza che tecnologia, innovazione e intelligenza artificiale non provocheranno – come ritengono luoghi comuni – l'eliminazione dei professionisti, ma consentiranno all'essere umano di sveltire procedure routinarie, lasciandogli maggior tempo da dedicare a servizi a valore aggiunto e a consulenze strategiche».

(16/04/2018 - Gabriella Lax)
In evidenza oggi:
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE