Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Statali: la Corte dei conti "boccia" il nuovo contratto

Con delibera del 30 marzo scorso, la Corte dei Conti ha reputato il rinnovo del contratto degli statali "deludente" e contenente solo aumenti tabellari
avvocato deluso mostra pollice verso il basso

di Gabriella Lax - Arriva la bocciatura da parte della Corte dei conti sul rinnovo del contratto degli statali. I giudici, che comunque avevano dato il via libera all'accordo sul rinnovo per i 250mila dipendenti pubblici, nella delibera del 23 marzo scorso, hanno ritenuto il rinnovo dei contratti deludente perché, si limita ad aumentare i tabellari, ma non fa alcun cenno ad un incremento basato sulla produttività per gli impiegati di ministeri, Agenzie ed enti come Inps e Cnel.

La Corte dei conti boccia il nuovo contratto della Pubblica amministrazione

La delibera sul rinnovo contrattuale del comparto Funzioni centrali 2016-2018 è quella depositata il 23 marzo. Un contratto «deludente» secondo i giudici contabili poiché quando si tratta di certificare la compatibilità economica di incrementi contrattuali (a proposito degli incrementi retributivi pari al 3,48% della massa salariale) il parametro autentico «non può prescindere da una valutazione degli effetti della contrattazione, in termini di recupero della produttività del settore pubblico». Dunque, da questo punto di vista, «l'ipotesi all'esame si rivela complessivamente deludente» se si considera che i fondi messi a disposizione risultano «esclusivamente per corrispondere adeguamenti delle componenti fisse della retribuzione». Nel ricordare la riforma Brunetta, i giudici chiariscono «non si può non sottolineare» che in quel caso la normativa «affidava alla contrattazione collettiva il compito di procedere ad una sostanziale ridefinizione delle componenti variabili della retribuzione, da destinare prevalentemente a finalità realmente incentivanti e premiali».

Corte dei conti: «Premi deludenti, aumenti solo tabellari»

Nello specifico, circa le disposizioni relative agli aumenti contrattuali, la Corte dei conti sollecita la necessità di stabilire «un quadro programmatico di riferimento per la crescita della spesa di personale». Nella delibera si legge, che gli incrementi retributivi del 3,48% della massa salariale, in modo da consentire aumenti medi mensili pari a 85 euro a già da marzo 2018, sono «importi superiori a quelli previsti nel caso in cui si fosse applicato l'indice Ipca o il tasso di inflazione programmato».

Da un lato dunque i giudici certificano la compatibilità economica del nuovo contratto ma, dall'altro, scrivono «in mancanza di un predefinito parametro di riferimento la verifica della compatibilità economica dei costi contrattuali si rivela, pertanto, di non facile percorribilità». Giudizio non positivo anche nei confronti della riforma Madia e del nuovo testo unico.

Leggi anche Stipendi, sanzioni e legge 104: cosa cambia per gli statali


(03/04/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza: unico reato
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Auto carica di bagagli? Multe fino a 338 euro
» Arriva il decreto dignità


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss