Emanata la circolare del Miur per introdurre un sillabo nelle scuole, al fine di educare all'imprenditorialità
una pila di libri con una mela sopra concetto studio scuola

di Gabriella Lax - Per l'educazione all'imprenditorialità nelle scuole arriva "Sillabo". A chiarire i termini c'è la circolare 4244 del 13 marzo 2018 (sotto allegata), dal titolo "Promozione di un percorso di Educazione all'imprenditorialità nelle scuole di II grado Statali e Paritari in Italia e all'estero".

Sillabo, educazione all'imprenditorialità a scuola

In particolare, il sillabo è un documento contenente indicazioni per accompagnare le scuole secondarie di II grado nella costruzione di percorsi strutturati per dare agli studenti la possibilità di trasformare le idee in azioni grazie a creatività, innovazione, valutazione e assunzione del rischio, capacità di pianificare e gestire progetti imprenditoriali. Proprio come succede nella realtà.

Cinque sono le macro aree contenute nel sillabo:

- forme e opportunità del fare impresa;

- generazione dell'idea, il contesto e i bisogni sociali;

- dall'idea all'impresa: risorse e competenze;

- l'impresa in azione: confrontarsi con il mercato;

- cittadinanza economica.

Gli alunni avranno così l'opportunità di sviluppare attitudini, conoscenze, abilità e competenze, utili non solo per un loro eventuale impegno in ambito imprenditoriale, ma in ogni contesto lavorativo e in ogni esperienza di cittadinanza attiva. Insieme si tratterà di competenze trasversali e competenze per la vita.

Con l'adozione del Sillabo, gli istituti offriranno percorsi dedicati e promuoveranno metodologie di insegnamento che favoriscono la dimensione pratica, una didattica incentrata sulla centralità dello studente e basata su casi reali, valorizzando i collegamenti interdisciplinari presenti tra le discipline.

Miur, circolare n. 4244/2018
Condividi
Feedback

(27/03/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Violenze in famiglia ai tempi del Coronavirus
» Rapporti genitori separati e figli: il vademecum degli avvocati civilisti