Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Multe personale trasporto pubblico: quando sono legittime?

Per il GdP di Milano i poteri di accertamento del personale del trasporto pubblico sono limitati alle aree urbane in concessione e alle corsie riservate al trasporto pubblico
vigile che fa multa ad auto

di Valeria Zeppilli - Con la sentenza numero 1722/2018 qui sotto allegata, il Giudice di pace di Milano si è confrontato in maniera interessante con la questione relativa alla legittimità e alla portata dei poteri di accertamento delle violazioni del codice della strada da parte del personale ispettivo delle aziende esercenti il trasporto pubblico ex art. 17, comma 133, della legge numero 127/1997.

La vicenda, nel dettaglio, riguardava due verbali con i quali al ricorrente era stato contestato di aver sostato, in un caso, in uno spazio riservato ad altri veicoli e, nell'altro caso, in un'area riservata ai residenti. Entrambe le violazioni erano state rilevate da ispettori dell'ATM – Azienda Trasporti Milanese.

Infrazioni rilevate da "sostituti"

Il Giudice di Pace, partendo dall'articolo 12 del codice della strada che si occupa di soggetti legittimati a rilevare le violazioni, ha risolto l'annosa questione giurisprudenziale circa l'effettiva portata dell'articolo 17, commi 132 e 133, della legge numero 127/1997 ritenendo che tali previsioni, nelle quali è sancita la facoltà di nominare altri soggetti per il rilevamento delle infrazioni delle norme del codice della strada, debbano essere considerate un'eccezione alla regola, "dettata per far fronte a specifiche necessità delle grandi aree urbane di ausilio nel controllo della sosta".

I limiti all'accertamento dell'ATM

Con particolare riferimento agli ispettori dell'azienda di trasporti, quindi, alla luce di quanto statuito dalle predette norme, per il giudice milanese deve ritenersi che la loro legittimazione ad elevare contravvenzioni sia limitata alle aree urbane in concessione all'azienda stessa e alle corsie riservate al trasporto pubblico pur non oggetto di concessione, senza estendersi anche alle zone estranee rispetto a quelle appena indicate.

Si ringrazia l'Avv. Fabio Previti per la cortese segnalazione

Gdp Milano testo sentenza numero 1722/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(13/03/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Conto corrente: i limiti al pignoramento delle somme versate dall'Inps
» Mantenimento non dovuto al figlio che non vuole lavorare
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss