Sei in: Home » Articoli

Processo civile: ricorso in cassazione inammissibile se la parte non critica l'unico precedente

L'assenza di valide obiezioni al vecchio orientamento integra l'ipotesi di inammissibilità di cui all'art. 360-bis, n. 1), c.p.c.
avvocato stupito che indossa una toga

di Valeria Zeppilli – L'articolo 360-bis del codice di procedura civile è un articolo molto temuto dagli avvocati, posto che in esso sono individuate le ipotesi che rendono inammissibile il ricorso in cassazione.

Nel dettaglio, in forza di quanto statuito da tale norma, la declaratoria di inammissibilità si ha quando il provvedimento impugnato ha deciso le questioni di diritto in modo conforme alla giurisprudenza della Corte e l'esame dei motivi non offre elementi per confermare o mutare l'orientamento della stessa e quando è manifestamente infondata la censura relativa alla violazione dei princìpi che regolano il giusto processo.

Con riferimento alla prima delle due predette ipotesi, che è quella più frequente, un interessante spunto di riflessione per tutti gli avvocati che si apprestano a redigere un ricorso in sede di legittimità è stato di recente fornito dalla sentenza numero 4366/2018 della Corte di cassazione (qui sotto allegata).

Precedente unico e remoto

Tale pronuncia, infatti, ha chiarito che anche la presenza di un solo e remoto precedente di legittimità, purché esso sia univoco e chiaro, è idonea a far ritenere la sussistenza di un orientamento interpretativo che può qualificarsi consolidato. Infatti, per i giudici, non può non darsi rilevanza al fatto che l'unicità di un vecchio orientamento denota che non si è mai apprezzata la necessità di rimetterlo in discussione.

Funzione del filtro

Di conseguenza, ove nel ricorso manchino delle valide critiche al solo e risalente precedente al quale si sia ispirata la sentenza gravata, il ricorso stesso deve essere dichiarato inammissibile. Del resto, la funzione di filtro dell'articolo 360-bis del codice di rito consiste proprio «nell'esonerare la Suprema Corte dall'esprimere compiutamente la sua adesione al persistente orientamento di legittimità, così consentendo una più rapida delibazione dei ricorsi "inconsistenti"».

Corte di cassazione testo sentenza numero 4366/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(01/03/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Privacy: da oggi in vigore il Gdpr, ecco la guida per gli avvocati
» Affido condiviso: sì alla shared custody dei figli
» Cassazione: lo screenshot vale come prova
» Le misure cautelari personali coercitive
» Telefono: i costi di disattivazione sono illegittimi


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss