Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Bonus pubblicità 2018: sconti per lavoratori autonomi anche online

Ecco come funziona l'agevolazione fiscale per chi investe in pubblicità anche online nel 2018
megafono che ricorda concetto di advertising

di Gabriella Lax - Farsi pubblicità costerà di meno, grazie al bonus pubblicità 2018, presentato nell'art. 57 bis del decreto legge 24 aprile 2017 n. 50 (convertito dalla legge 96/2017) che ha introdotto la nuova misura.

Questa agevolazione fiscale, come credito d'imposta, è indirizzata a imprese o lavoratori autonomi che vogliono investire per sponsorizzare la propria attività su giornali, di qualunque tiratura, periodicità e diffusione, e su emittenti radiotelevisive, analogiche o digitali, a diffusione locale.

Bonus pubblicità 2018, beneficiari e importo del credito

I beneficiari saranno imprenditori e professionisti che faranno investimenti con un valore che superi di almeno l'1% analoghi investimenti effettuati nell'anno precedente sugli stessi mezzi di informazione.

Il quantum dell'agevolazione sarà pari ari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati (alzato al 90% nel caso di micro imprese, piccole e medie imprese e start up innovative), ed è utilizzabile esclusivamente in compensazione, tramite modello F24.

Il controllo è affidato all'Agenzia delle entrate che valuterà l'effettivo possesso dei requisiti per ottenere l'ammissione al beneficio fiscale; in caso di mancanza degli stessi, cioè nei casi di indebita fruizione, si passerà al recupero delle somme con le procedure coattive di legge.

(14/02/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss