Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Scuola: aumenti da 80 a 110 euro per i prof

Firmato il nuovo contratto per il comparto scuola. Madia: giusto e doveroso
insegnante scuola che mostra contratto evoca professore precario che vuole diritti

di Redazione – E' stato firmato ieri all'Aran, il primo contratto nazionale del comparto istruzione e ricerca che riguarderà oltre 1 milione e 200mila tra docenti, personale Ata, ricercatori, amministrativi, tecnici. L'accordo, che arriva dopo circa dieci anni di blocco, "era giusto e doveroso #valeriafedeli, #riforma Pa #Paese che cambia"ha twittato la ministra della funzione pubblica Marianna Madia a margine dell'approvazione. Seguita a ruota dalla titolare del Miur Valeria Fedeli, dichiaratasi soddisfatta per l'intesa. "Valorizzare chi lavora nei settori della conoscenza è investimento sul futuro" ha commentato su Twitter infatti la ministra dell'istruzione.

Scuola: le novità del contratto

Tra le novità, non risultano aumenti dell'orario di servizio, né cambiamenti in materia di ferie e permessi. Arriveranno invece aumenti salariali da un minimo di 80 a un massimo di 110 euro e sarà salvaguardato per le fasce retributive più basse il bonus di 80 euro.

Di rilievo, rendono noto le sigle sindacali in una nota, il diritto alla disconnessione, a tutela della dignità del lavoro al riparo dall'invasività delle comunicazioni affidate alle nuove tecnologie.

Si è ottenuto, inoltre, scrivono le sigle, il rinvio, ad una successiva sequenza contrattuale, della definizione del codice disciplinare per i prof, "con l'obiettivo di una piena garanzia di tutela della libertà di insegnamento".

(09/02/2018 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Mancato mantenimento figli: reato anche se non c'è stato di bisogno
» Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom
» Inps: 5mila borse di studio per imparare le lingue
» Assegno di invalidità: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Avvocati: contributi fino a 1.500 euro per strumenti informatici


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss