Sei in: Home » Articoli

Separazione: niente addebito per la doppia vita sessuale del marito

Se la condotta trasgressiva dell'uomo non è stata la causa dell'intollerabilità della convivenza non è possibile addebitargli la frattura del legame coniugale
uomo beccato a tradire su facebook

di Valeria Zeppilli - La doppia vita sessuale del marito non basta per l'addebito della separazione, se il comportamento trasgressivo dell'uomo non è alla base della frattura del legame coniugale. Ed è così che il Tribunale di Larino, con la sentenza numero 398/2017 qui sotto allegata, ha respinto la domanda di addebito presentata da una moglie dopo aver scoperto file hard e compromettenti sul personal computer del marito.

Rapporto di causalità

Nonostante la scoperta sconvolgente fatta dalla donna, per il Tribunale non può non tenersi conto del fatto che il consolidato orientamento della Corte di cassazione impone al giudice di merito di accertare se il comportamento oggettivamente trasgressivo di uno o di entrambi i coniugi debba essere considerato come la causa della rottura del rapporto coniugale e, quindi, se tale comportamento si ponga in rapporto di causalità con il verificarsi dell'intollerabilità dell'ulteriore convivenza.

Infatti, non può essere decretato l'addebito in capo a chi abbia posto in essere una violazione dei doveri gravanti sui coniugi in forza dell'articolo 143 del codice civile dopo che la crisi del vincolo coniugale era già maturata o per effetto della stessa.

L'indagine sull'intollerabilità della convivenza

A tale proposito, per i giudici, non si può dimenticare che l'indagine sull'intollerabilità della convivenza non può concentrarsi sulla condotta di uno solo dei coniugi, prescindendo dal raffronto con la condotta dell'altro. Infatti la verifica della crisi matrimoniale necessita imprescindibilmente della comparazione tra i comportamenti tenuti dalla moglie e quelli tenuti dal marito, sulla base di una valutazione globale dei rapporti tra i due e del loro reciproco interferire.


Tribunale di Larino testo sentenza numero 398/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed � dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche � Diritto del lavoro presso l'Universit� 'G. D'Annunzio' di Chieti � Pescara
(01/02/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Cassazione: bisogna fermarsi sempre allo stop anche a strada libera
» Responsabilità medica: la Cassazione sminuisce le linee-guida
» Nuova tassa auto per il 2019
» Riforma processo civile: il no degli avvocati
» Carta d'identit elettronica anche alle Poste
Newsletter f g+ t in Rss