Sei in: Home » Articoli

Whistleblowing: aperti due canali per le denunce

La Consob ha messo a disposizione di chi denuncia reati o irregolarità due canali dedicati, telefonico e telematico
occhio metafora di spia digitale intercettazioni

di Gabriella Lax - Whistleblowing, la Consob ha deciso di mettere a disposizione due canali per le segnalazioni anticorruzione. Maggior tutela con questa disciplina per gli autori di segnalazioni di reati o di irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell'ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato.

Whistleblowing, cosa dice la legge

Il dipendente che segnala, ai responsabili anticorruzione, all'Anac o ai giudici ordinari e contabili, illeciti di cui sia venuto a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro non potrà essere sanzionato, licenziato, demansionato, trasferito o sottoposto ad altre misure ritorsive.

E' una tutela che vale non solo per tutte le amministrazioni pubbliche ma anche per il settore privato. Sono nulli gli atti discriminatori posti in essere nei confronti dei lavoratori. E' previsto il reintegro nel posto di lavoro in caso di licenziamento e la nullità di ogni atto discriminatorio o ritorsivo nei confronti del whistleblower. All'ente spetta l'onere della prova.

Leggi anche: Whistleblowing: in vigore la riforma

Consob attiva due canali per Whistleblowing

Consob ha attivato in questi giorni due nuovi canali dedicati, telefonico e telematico, per la ricezione immediata delle segnalazioni operate da personale di soggetti vigilati (Sim, Sgr, Sicav, banche e altri soggetti specificati) per far fronte a presunte violazioni o illeciti nei casi di whistleblowing.

Come riporta il sito della Consob, le segnalazioni potranno pervenire sia al numero telefonico 06 8411099, dal lunedì al venerdì nelle fasce orarie 11-12 e 17-18, sia alla casella di posta elettronica whistleblowing@consob.it, utilizzando gli appositi moduli. Potranno inoltre essere trasmesse alla Consob, sempre nel rispetto della riservatezza, anche tramite posta ordinaria, indirizzata a: Consob, Via G. B. Martini 3, 00198, Roma.

La commissione, in ultimo, ricorda che "le informazioni raccolte saranno trattate dalla Consob in conformità ai criteri previsti dal Tuf e nel rispetto della normativa sulla privacy. Inoltre, i nuovi canali, dedicati esclusivamente alle segnalazioni "whistleblowing" non sostituiscono in alcun modo le modalità già esistenti per la trasmissione alla Consob di documenti o atti di competenza".

Identità segreta per chi denuncia

Infine si ricorda che non potrà essere svelata l'identità di chi denuncia. Tuttavia non sono ammesse segnalazioni anonime. In ogni caso, il segreto sul nome in ipotesi di processo penale non può protrarsi oltre la chiusura delle indagini preliminari. E' compito dell'Anac stabilire linee guida sulle procedure per la presentazione e la gestione delle segnalazioni al fine di garantire la riservatezza di chi segnala.

(09/01/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Mancato mantenimento figli: reato anche se non c'è stato di bisogno
» Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom
» Assegno di invalidità: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Il Ctu deve essere pagato da tutti
» Arriva il decreto dignità


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss