Sei in: Home » Articoli

Pensioni 2018: pagate il primo del mese

Passa l'emendamento alla legge di bilancio che fa saltare l'entrata in vigore della riforma che stabilisce il pagamento delle pensioni il secondo giorno bancabile del mese
Due pensionati davanti al PC

di Gabriella Lax - Passa in commissione bilancio l'emendamento che prevede il pagamento delle pensioni il primo di ogni mese. La manovra 2018 licenziata nella notte dalla commissione della Camera ora va in aula per l'esame, che comincerà stasera alle 21.

Pensioni continueranno a essere pagate il primo di ogni mese

Dal prossimo mese di gennaio 2018 il pagamento delle pensioni avverrà come di consueto il primo giorno del mese. Nel caso in cui si trattasse di un giorno festivo o non bancabile, il pagamento avverrà il primo giorno successivo.

Viene meno dunque la riforma del 2015, già rinviata più volte, che stabiliva il giorno di pagamento degli assegni il secondo giorno bancabile del mese.

Leggi anche: Pensioni: da gennaio saranno pagate il 2?

Pagamento pensioni 2018: le reazioni dei sindacati

La statuizione dell'emendamento è stata ben accolta dalle sigle sindacali dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl, Uilp-Uil che, come riportato da Adnkronos, chiariscono «Bene l'emendamento sul pagamento delle pensioni il primo del mese. Avevamo chiesto al governo di intervenire ed è positivo che la questione sia stata risolta una volta per tutte. Particolarmente rilevante è la decisione di rendere strutturale questa misura evitando così ulteriori disagi per milioni di pensionati e lo spiacevole balletto delle date che si ripeteva ormai da due anni – e, infine - seguiremo l'iter della legge di bilancio e verificheremo che questa norma venga approvata definitivamente».

(20/12/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Processo civile: compensazione delle spese più estesa
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Condominio: chi ha la pec paga le spese per la corrispondenza?
» Il diritto all'oblio nella recente pronuncia vittoriosa di Antonello Venditti c. Rai


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss