Fisco: caccia agli evasori anche su telefonini, mail e chat

La Guardia di Finanza ha diramato la circolare che detta le nuove regole sui controlli antievasione. Nel mirino dei baschi verdi anche smartphone, tablet, mail e chat
occhio che spia dal buco della serratura

di Gabriella Lax - La Guardia di finanza va a caccia di evasori anche nel cloud. Nel mirino dei baschi verdi ci saranno anche gli smartphone, tablet, i client di posta elettronica e le applicazioni di messaggistica e chat. A stabilirlo, tra le altre novità, è la circolare operativa n.1/2018 sui controlli antievasione, diramata dal comando generale delle fiamme gialle, che presenta il manuale operativo in materia di contrasto all'evasione e alle frodi fiscali.

Evasione: nuove regole in vigore dal 1° gennaio 2018

Il documento (disponibile sul sito della guardia di finanza alla voce Manuale operativo di contrasto all'evasione e alle frodi fiscali) aggiorna e, in alcuni casi, sostituisce i contenuti della circolare n. 1/2008 che impartiva direttive cui i militari erano tenuti nell'ambito delle verifiche. Cambiano le esigenze considerati i casi rilevati di false fatturazioni, società fantasma o di comodo o, nel caso della lotta alla fuga dei capitali all'estero, la "pianificazione fiscale aggressiva, al riciclaggio e all'auto-riciclaggio di proventi dell'evasione".

L'aggiornamento si è ritenuto necessario per le modifiche normative intervenute nel tempo, necessarie per migliorare la capacità di effettuare controlli mirati, rendere più efficace l'utilizzo delle banche dati a disposizione e degli strumenti di cooperazione internazionale. Il manuale, aggiornato al 1° dicembre scorso, entrerà in vigore dal prossimo 1° gennaio 2018.

Manuale operativo della Gdf, gli obiettivi

Da un lato, la circolare n. 1/2018 punta a dare istruzioni operative ai reparti per essere in grado di migliorare la loro capacità di effettuare controlli mirati, valorizzando il patrimonio informativo a disposizione e soprattutto intervenendo in misura più efficace.

Dall'altro, la circolare abbraccia il tema della semplificazione dei rapporti tra il Fisco ed il contribuente: da questo punto di vista il manuale operativo ricerca una maggiore sinergia e coordinamento con l'attività dell'Agenzia delle Entrate, che diventa interlocutore dei dati di innesco della Guardia di finanza. Su questo fronte il manuale è fondamentale per i contribuenti poiché evidenzia le modalità di intervento operativo che verranno adottate in caso di controlli fiscali per contrastare evasione e frodi, indicando anche le modalità di selezione dei contribuenti e la prassi da seguire in presenza di violazioni.

Gdf a caccia di evasori anche su telefonini e mail

Nel documento viene ribadita la necessità e l'importanza di procedere alla ricerca e all'estrazione di documenti informatici per acquisire elementi utili alle attività di natura tributaria, suddividendone l'esecuzione in diverse modalità in relazione alla complessità dell'attività da svolgere. A questo scopo sono impiegati anche i militari in possesso della qualifica in Computer Forensics e Data Analysis, quando la verifica riguarda contribuenti che adottano sistemi digitali complessi.

(07/12/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Risarcimento danno parentale: Cassazione, spetta anche al nipote non convivente
» Bollette luce, acqua e gas prescritte in 2 anni
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile
» Gli accordi di separazione consensuale


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF