Sei in: Home » Articoli
 » scuola

In vigore l'equo compenso per avvocati e professionisti

Pubblicata in GU ed entrata in vigore la legge di conversione del decreto fiscale che ha introdotto l'equo compenso per avvocati e professionisti
avvocato che sogna equo compenso

di Valeria Zeppilli – La legge numero 172/2017 di conversione del decreto fiscale (qui sotto allegata) è in vigore dal 6 dicembre 2017 e con essa, quindi, oltre a diverse novità, tra cui il "dimezzamento" dell'obbligo dell'assicurazione infortuni per gli avvocati e l'addio alla riparazione per lo stalking, anche l'equo compenso per avvocati e professionisti.

Leggi anche:

- Avvocati: polizza infortuni a metà

- Stalking: in vigore il nuovo art. 162-ter del codice penale

Equo compenso

Il dl fiscale, infatti, ha stabilito la necessaria equità del compenso per i rapporti regolati da convenzioni che hanno ad oggetto lo svolgimento di attività in favore di imprese bancarie e assicurative e di imprese che non rientrano nella categoria delle microimprese o delle piccole o medie imprese. Equità vuol dire proporzionalità alla quantità e alla qualità del lavoro svolto e al contenuto e alle caratteristiche della prestazione, tenuto conto dei parametri.

Clausole vessatorie

Tutte le clausole delle convenzioni che determinano un significativo squilibrio contrattuale a carico di avvocati, professionisti o lavoratori autonomi, anche in ragione della non equità del compenso pattuito, devono considerarsi vessatorie.

Ma vi è di più: le clausole che attribuiscono al cliente la facoltà di pretendere prestazioni aggiuntive da eseguire a titolo gratuito sono vessatorie anche se sono state oggetto di trattativa e di approvazione scritta.

Per approfondimenti leggi: "Equo compenso è legge"

Legge numero 172/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(07/12/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Conto corrente: i limiti al pignoramento delle somme versate dall'Inps
» Mantenimento non dovuto al figlio che non vuole lavorare
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss