Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Compiti a casa? Meglio lavorare di più a scuola

E' il ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, a tornare sull'argomento compiti a casa, nel corso della quarta giornata delle Olimpiadi di Debate
Alunna sommersa di compiti

di Gabriella Lax - Si torna a parlare di compiti per casa. A farlo, come riporta il sito tecnicadellascuola.it, è il ministro all'istruzione Valeria Fedeli, nel corso della quarta giornata delle Olimpiadi di Debate, interpellata dall'Agenzia Dire.

Compiti a casa, la Francia all'avanguardia

Il tema dei compiti per casa torna prepotentemente alla ribalta. Una problematica superata da alcuni paesi europei, la Francia in primis, dove i compiti a casa sono vietati almeno alle elementari da una legge di sessant'anni fa. La ratio è evitare la disparità tra i ragazzi in relazione all'aiuto che possono ricevere a casa: alcuni genitori possono seguire i figli e aiutarli, altri non hanno questa fortuna. E ancora, alcune famiglie possono assoldare (pagando profumatamente) professori per lezioni private, altre, meno facoltose, non possono permetterselo.

Compiti a casa, i pro e i contro della Fedeli

«Ci sono tesi a favore e tesi contro e questo è ovviamente espressione del dibattito che ci sarebbe in tutta Italia qualora questo diventasse un tema della politica – evidenzia Fedeli - Credo che ci debba essere un atteggiamento sicuramente migliorativo rispetto a quello tradizionale 'Ti faccio la lezione frontale, poi tu approfondisci a casa da solo'. Credo che questo non sia più il tempo né della sola lezione frontale né dei singoli compiti a casa". E non è tutto. Per il ministro «i ragazzi hanno bisogno non di schemi rigidi. Ci sono condizioni differenti, opportunità differenti: a volte serve concentrarsi singolarmente su un compito necessario, anche con un approfondimento; di contro sarebbe anche importante che ci fosse la possibilità di fare dentro il percorso scolastico, magari il pomeriggio, magari in termini più socializzanti, anche approfondimenti collettivi soprattutto nelle scuole che assumono innovazione didattica e approfondimenti curriculari molto più flessibili e moderni, molto più legati anche alla trasversalità dei saperi».

Parole che lasciano spiragli considerato che, nel nostro Paese, si è discusso della possibilità di cancellare un'abitudine didattica considerata antica, ma non si è mai pensato ad una vera riforma. Dopo le proteste a macchia di leopardo dei genitori italiani, c'era stata la promessa di prendere in considerazione l'ipotesi da parte dell'allora ministro Stefania Giannini nella riforma della "Buona scuola", con pressing sui docenti affinchè alleggerissero i pomeriggi di studio. Ma dopo il cambio al ministero, l'argomento sembrava essere stato messo da parte. Nell'attesa che si muova qualcosa sul fronte legislativo, molte scuole intanto hanno avviato una sperimentazione in merito (leggi: Scuola: addio compiti a casa).

(20/11/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multa: possibile l'annullamento in autotutela?
» Avvocati: fino a tremila euro per la formazione
» L'assegno sociale
» Tredicesima: a chi spettano i 154 euro in più?
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF