Sei in: Home » Articoli

Ecobonus su misura: le novità in arrivo

Allo studio il cambiamento del meccanismo delle detrazioni fiscali per gli interventi energetici
lampadina su prato verde

di Gabriella Lax - Novità in arrivo riguardo le agevolazioni nel campo dell'energia. A riportare la notizia è Italia Oggi, che parla di un possibile cambiamento del meccanismo delle detrazioni fiscali (Ecobonus del 65%).

Agevolazioni specifiche per interventi energetici

Sarebbero già pronte agevolazioni specifiche per gli interventi energetici più efficienti e per quelli strutturali sull'immobile, le cosiddette "deep renovation".

Si sta pensando inoltre ad un cambio della percentuale in detrazione, in base alla tipologia di risparmio atteso, e ancora all'inserimento di massimali unitari di spesa per ogni tipo di operazione da agevolare.

L'altra novità sarebbe costituita da un "fondo di garanzia per eco-prestito" con l'obiettivo di coprire il rischio di insolvenza del proprietario dell'immobile.

Questi i punti fondamentali di una riforma riguardante l'efficienza energetica, a cui da tempo lavora il ministero dello Sviluppo economico, una sorta di «Ecobonus» a misura di risparmio energetico.

Ecobonus: restyling nella legge di bilancio

Il primo step delle future modifiche sarebbe già stato fatto, con l'invio della bozza preliminare al Mise, avvenuto qualche giorno fa, per verificare le coperture finanziarie. Lo step successivo ora è inserire il restyling complessivo dell'agevolazione nella legge di bilancio per il 2018, mezzo ideale per trasformare dal punto di vista legislativo il progetto di revisione, già anticipato col documento sulla Strategia energetica nazionale.

Secondo il Sole 24 Ore, il ministero dello Sviluppo economico penserebbe a rendere più «sfidante» il sistema delle detrazioni fiscali al 65% per il risparmio energetico.

Compresa nelle rimodulazioni anche la percentuale in detrazione in relazione al risparmio atteso, con l'introduzione di massimali unitari di spesa per tipologia di intervento, oltre a premi per le azioni più efficienti derivanti da interventi radicali sull'edificio. Si stanno valutando anche altri modi per la valorizzazione dei risparmi generati dalle detrazioni fiscali come il recupero edilizio, ad oggi non conteggiati, grazie ad un sistema di incentivazione integrato con l'ecobonus. Con l'incrocio dei dati relativi alla lista degli interventi agevolabili e le percentuali di rimodulazioni per i beneficiari si potrà sapere se l'ecobonus al vaglio risulterà più o meno generoso rispetto alla versione attuale.

Ecobonus i dati aggiornati

Secondo i dati relativi al 2014, intanto, relativamente agli Ecobonus sono stati circa 300mila gli interventi realizzati, per un totale di oltre 3,2 miliardi di investimenti attivati. Percentuali in crescita negli ultimi 3 anni. Questa misura ha avuto un costo di circa 10,8 miliardi nel periodo 2007-2016 e ha portato un risparmio, relativo ai soli nuovi interventi realizzati nell'anno, pari a 0,16 Mtep (milioni di tonnellate equivalenti di petrolio).

(14/09/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Biotestamento: è legge
» Addio animali nei circhi: entro un anno le norme
» A che età si può andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Pignoramento del Tfr: cos'è e limiti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF