Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: preventivo scritto anticipato ma se poi necessita di approfondimenti che succede?

Le eventuali varianti che non siano state preventivate necessiteranno della liquidazione giudiziale
uomini affari che fanno accordo

di Valeria Zeppilli - Con l'approvazione definitiva da parte del Senato e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge annuale per il mercato e la concorrenza, si è ufficializzato l'obbligo per gli avvocati di fornire un preventivo scritto ai propri clienti, che scatterà dal prossimo 29 agosto (leggi: "Avvocati e professionisti: dal 29 agosto preventivi obbligatori").

Quello che cambia, in sostanza, è che mentre prima un tale obbligo sorgeva solo dietro richiesta del cliente, oggi lo stesso diviene automatico e tutti i legali dovranno per forza preventivare in maniera dettagliata i costi che comporterà la loro assistenza per il cliente, specificando le diverse voci e distinguendo fra oneri, spese, anche forfettarie, e compenso professionale.

Preventivo di massima

Più nel dettaglio, vista la funzione del preventivo di consentire ai clienti di fare un confronto tra i costi proposti dai diversi professionisti e di garantire così la concorrenza, è evidente che lo stesso andrà redatto prima dell'avvio della prestazione.

Il che vuol dire che lo stesso sarà necessariamente influenzato da quanto riferito dal cliente nel corso del primo appuntamento e dall'ipotetico e ragionevole sviluppo del contenzioso, essendo invece impossibile prevedere in assoluto come in concreto procederà l'incarico.

Proprio per tale ragione, sarà fondamentale scendere quanto più possibile nel dettaglio, onde evitare di lasciare alcune attività prive di "costo".

Infatti, se da un lato l'accettazione del preventivo da parte del cliente costituisce un titolo per la quantificazione dell'onorario del legale, che potrà tornare utile in caso di mancato pagamento delle prestazioni professionali, dall'altro lato le eventuali varianti che conseguiranno a particolari eventi verificatisi in corso di causa o nell'attività stragiudiziale che non saranno state preventivate necessiteranno della liquidazione giudiziale, con conseguenti chiare complicazioni.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(18/08/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'è e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Avvocati: sanzionato chi cerca incarichi col pretesto delle condoglianzeAvvocati: sanzionato chi cerca incarichi col pretesto delle condoglianze

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF