Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Gli avvocati non crescono più

Verosimilmente nel giro di qualche anno il numero di ingressi nell'albo e il numero di uscite dall'albo sarà in equilibrio
uomo con guantoni su un ring

di Valeria Zeppilli – Il tasso di crescita dell'avvocatura è in netto calo: non solo le iscrizioni incontrollate sembrano ormai quasi un ricordo, ma le cancellazioni volontarie dall'albo sono sempre più numerose, tanto che nel 2016 sono arrivate addirittura a 4.488. Il grido d'allarme, lanciato da più parti, sulla necessità di porre un argine alla massiccia consistenza della categoria forense nel nostro paese, sembrerebbe, dunque, stando ai dati, non aver più ragione d'esistere (leggi: Avvocati: Davigo, numero chiuso a giurisprudenza per ridurre i legali e il loro reddito). 

Avvocati, crescita inferiore al 2%

La media di avvocati per abitanti, in Italia, resta ancora molto alta rispetto agli altri paesi dell'Unione Europea, ammontando a 4 su 1.000.

Tuttavia, innanzitutto, si tratta di un dato che non descrive in maniera uniforme l'intera penisola, posto che se in Calabria i legali sono addirittura 6,8 su 1.000, in Campania 5,9 su 1.000 e in Lazio 5,6 su 1.000, non può non rilevarsi che in Valle d'Aosta sono 1,4 su 1.000, in Trentino Alto Adige 1,7 su 1.000 e in Friuli Venezia Giulia 2,1 su 1.000.

Si tratta poi, come accennato, di un dato destinato a modificarsi nel tempo se solo si considera che nei primi anni duemila il tasso di crescita degli avvocati si assestava sull'8-10% mentre oggi stenta ad arrivare al 2%. Verosimilmente, tra qualche anno il numero di avvocati che si iscrivono all'albo non eccederà quello di coloro che ne escono per pensionamento, cancellazione o decesso.

Diversità tra Regioni

Come accennato, la maggior parte degli avvocati italiani si trova nel centro-sud e al sud della Penisola e anche molti di quelli che operano al nord provengono dal meridione.

A ciò si aggiunge il fatto che proprio lì dove gli avvocati sono più numerosi i loro redditi sono più bassi e in discesa. Si tratta di un dato ancor più preoccupante se si considera che, in generale e anche volgendo lo sguardo al di là della professione forense, pure a parità di reddito nominale e di altre caratteristiche sociodemografiche della famiglia, il benessere percepito al centro-nord della penisola è differente rispetto a quello percepito da chi abita al sud

Leggi anche: Avvocati: redditi sempre più bassi. E' allarme 

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(17/08/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pecOpposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF