Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Auto: in vigore il decreto sul documento unico di circolazione

Ma da oggi inizia l'attuazione a tappe per l'entrata in vigore dell'obbligo di adozione del documento unico di circolazione veicoli e proprietÓ
documento auto con risparmio soldi assicurazione
di Lucia Izzo - Lo scorso 24 giugno Ŕ stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il d.lgs. n. 98/2017 (qui sotto allegato) che istituisce il documento unico di circolazione veicoli e proprietÓ, il quale in sostanza va ad accorpare in un solo atto i dati riguardanti circolazione e proprietÓ di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi.

Il documento unico di circolazione e proprietÓ

Come previsto dal decreto, infatti, nella carta di circolazione denominata "documento unico", andranno annotati i dati tecnici e di intestazione del veicolo, quelli validati dal PRA circa la situazione giuridico-patrimoniale del mezzo e quelli riguardanti la cessazione dei veicolo dalla circolazione conseguente alla sua demolizione o alla sua definita esportazione all'estero.

Ancora, andrÓ annotata la sussistenza di eventuali privilegi o ipoteche, cosý come provvedimenti amministrativi e giudiziari annotati presso il PRA che incidono sulla proprietÓ e sulla disponibilitÓ del veicolo e provvedimenti di fermo amministrativo.

Per ottenere il rilascio del documento unico l'interessato dovrÓ presentare istanza all'Ufficio motorizzazione civile o Sportello Telematico dell'automobilista in sede di prima immatricolazione, reimmatricolazione o aggiornamento conseguente al trasferimento di proprietÓ del veicolo, tutto corredato dalla necessaria documentazione e avvalendosi di un modello unificato.

Le tappe per l'attuazione dell'obbligo

Nonostante la data per l'entrata in vigore del documento unico sia fissata a decorrere dal 1░ luglio 2018 (per approfondimenti: Auto: dal 2018 con il documento unico per chi non paga il bollo radiazione sicura) con l'addio definitivo per i nuovi veicoli dei due documenti incorporati in un unico atto, la riforma si attua attraverso un percorso a tappe.

Il decreto legislativo che stabilisce il contenuto del documento unico e la procedura di rilascio entrerÓ in vigore a partire da oggi 24 luglio 2017, tuttavia gli effetti a partire da tale data implicheranno unicamente che la vigilanza sull'ACI sarÓ esercitata dalla Presidenza del Consiglio dei ministri e, limitatamente alle attivitÓ del PRA, dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, ferme restando le competenze del Ministero della giustizia e dell'autoritÓ giudiziaria previste dalle disposizioni vigenti.

Entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto (22 settembre) il Ministero delle Infrastrutture saranno tenuti a emanare due decreti attuativi: uno che, sentito l'ACI, definirÓ forma e contenuto del modello unificato necessario per presentare l'istanza di rilascio del documento unico e un'altro che dovrÓ fissare le modalitÓ, anche telematiche, per l'annotazione dei dati relativi a proprietÓ e disponibilitÓ del veicolo, sussistenza di privilegi e ipoteche, provvedimenti amministrativi e giudiziari che incidono sulla proprietÓ e disponibilitÓ del veicolo.

Dovranno arrivare entro il 21 dicembre di quest'anno, invece, i d.P.R. destinati a coordinare le novitÓ del d.lgs. 98/2017 con gli altri provvedimenti sui quali avranno impatto, ossia il regolamento di esecuzione e attuazione del Codice della Strada (d.P.R.495/1992) e quello relativo allo Sportello Telematico dell'Automobilista (d.P.R. 358/2000)

Entro il 30 aprile 2018, invece, un decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in concerto con Ministeri dell'Economia e della Giustizia, dovrÓ determinare la tariffa unica da corrispondere per il rilascio e l'aggiornamento del documento unico.

SarÓ a partire dal 1░ luglio 2018 che si avranno gli effetti pi¨ imponenti legati al decreto, ossia le modifiche al Codice della Strada, l'introduzione dell'obbligo del documento unico per chi da quella data acquista un veicolo (mentre resteranno validi i documenti sui mezzi giÓ circolanti, fino all'aggiornamento) e le nuove modalitÓ di radiazione dal PRA, ad esempio per mancato pagamento del bollo auto per tre anni consecutivi.

Eccetto che per la scadenza del 30 aprile 2018, tuttavia, gli altri termini sono ordinatori, pertanto indicativi.
D.lgs. n. 98/2017
(24/07/2017 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza: unico reato
» L'archiviazione del giudizio
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Auto carica di bagagli? Multe fino a 338 euro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss