Sei in: Home » Articoli

Bonus nido: da lunedì via alle domande per i 1000 euro

L'Inps ricorda che da lunedì 17 luglio sarà attivo il servizio online per richiedere il bonus. Come presentare domanda
due bambine di fronte all'asilo

di Gabriella Lax - Sarà possibile da lunedì prossimo presentare le domande per i bonus nido. Come riferisce il sito dell'Inps, dalle 10 di lunedì 17 luglio 2017 sarà attivo il servizio online per richiedere il bonus. Le istruzioni operative per il 2017 consentiranno di gestire la fase transitoria che va dal 1° gennaio 2017 alla data di rilascio dell'applicativo senza pregiudizio per gli aventi diritto. 

Cos'è il bonus nido

Si tratta di un contributo inserito tra gli interventi normativi a sostegno del reddito delle famiglie, dall'articolo 1, comma 355, legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge bilancio). Il contributo, fino a un importo massimo di 1.000 euro su base annua, può essere corrisposto, dopo l'apposita domanda da parte del genitore, per far fronte a due distinte situazioni: 

- quelle che riguardano bambini nati o adottati/affidati dal 1° gennaio 2016 per contribuire al pagamento delle rette relative alla loro frequenza in asili nido pubblici e privati autorizzati (cosiddetto bonus asilo nido); 

- oppure in favore dei bambini al di sotto dei tre anni, impossibilitati a frequentare gli asili nido in quanto affetti da gravi patologie croniche, per i quali le famiglie si avvalgono di servizi assistenziali domiciliari (contributo per introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione). 

Chi può chiedere il bonus nido

La domanda può essere presentata dal genitore di un minore nato o adottato dal 1° gennaio 2016 in possesso di: cittadinanza italiana; cittadinanza UE; permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo; carte di soggiorno per familiari extracomunitari di cittadini dell'Unione europea; carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza dell'Unione europea (art. 17, d.lgs. 30/2007); status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria; residenza in Italia. Relativamente al contributo asilo nido, il richiedente è il genitore che sostiene l'onere del pagamento della retta; relativamente al contributo per forme di assistenza domiciliare, il richiedente deve coabitare con il figlio e avere dimora abituale nello stesso comune. I requisiti devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda.

In caso di adozioni o affidamenti preadottivi verrà presa in considerazione la data più favorevole tra il provvedimento di adozione e la data di ingresso in famiglia del minore, purchè successivo al 1° gennaio 2016.

Bonus nido, come presentare la domanda

La domanda da presentare deve specificare l'evento per il quale si richiede il beneficio e precisamente dunque: pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati ("Contributo asilo nido"); introduzione di forme assistenza domiciliare a favore dei bambini affetti da gravi patologie croniche ("Contributo per introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione"). 

La domanda può essere presentata online all'Inps attraverso il servizio dedicato oppure mediante il Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) o 06 164 164 da rete mobile; tramite gli enti di patronato e intermediari dell'Inps, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi. 

In caso di richiesta del beneficio per più di un figlio sarà necessario presentare una domanda per ciascuno di essi. 

Nel caso in cui il richiedente intenda accedere al bonus asilo nido dovrà indicare le mensilità per le quali intende ottenere il beneficio relative ai periodi di frequenza scolastica compresi tra gennaio e dicembre 2017.

(12/07/2017 - Gabriella Lax)
Le più lette:
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'è e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Avvocati: sanzionato chi cerca incarichi col pretesto delle condoglianzeAvvocati: sanzionato chi cerca incarichi col pretesto delle condoglianze

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF