Con la legalizzazione dei trojan di Stato si apre una nuova epoca delle intercettazioni
uomo al computer attrezzato contro i virus concept di intercettazioni

di Valeria Zeppilli - La riforma del processo penale approvata in via definitiva la scorsa settimana ha legalizzato i cd. trojan di Stato, ovverosia dei captatori informatici che, di fatto, si estrinsecano in dei malware mediante i quali controllare da remoto i dispositivi sui quali sono inseriti, ovverosia pc, tv, automobili, smartphone, tablet e tutto ciò che è connesso a internet.

È una novità che, a ben vedere, è passata in secondo piano ma che, in realtà, produce degli effetti dirompenti: in sostanza, gli apparecchi interessati divengono dei veri e propri strumenti di intercettazione, che possono essere controllati da lontano, non solo aprendo le porte di tutti i loro contenuti, ma anche attivando telecamera o microfono.

Lanciato il virus, insomma, le e-mail, le foto, i file, i documenti non saranno più un segreto ma potranno essere prelevati in qualsiasi momento.

Reati interessati

Le indagini che potranno essere condotte attivando i trojan di Stato, peraltro, non sono solo quelle gravissime di mafia, concorrenza sleale e terrorismo, ma anche alcune di rilevanza minore, come quelle inerenti ai reati di ingiuria, frode commerciale, stupefacenti, minaccia e vendita di prodotti alimentari non genuini.

La prassi

In realtà, la novità apportata dalla riforma del processo penale non è tale per tutti: molti tribunali, infatti, adottano già da tempo la prassi di ricorrere a un tal genere di malware. Lo fanno, però, trovando una legittimazione, peraltro solo parziale, nella giurisprudenza (cfr., ad esempio, Cass. n. 26889/2016).

Oggi, invece, la nuova frontiera dell'intercettazione viene ufficializzata e diviene diffusa, con tutte le conseguenze che ne derivano. 

Vai allo speciale sulla riforma del processo penale con il testo approvato

Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: