Sei in: Home » Articoli

Rottamazione cartelle Equitalia su misura

Il contribuente, con il servizio ContiTu di Equitalia potrà decidere per quali cartelle procedere alla rottamazione
debitore che rompe catene simbolo di liberazione Equitalia

di Valeria Zeppilli - Entro il prossimo 15 giugno 2017, Equitalia comunicherà a coloro che hanno aderito alla cosiddetta rottamazione delle cartelle entro il 21 aprile l'ammontare delle somme complessivamente dovute: a stabilirlo è il decreto legge numero 193/2016.

Comunicazione di Equitalia

La comunicazione, che dal 16 giugno sarà disponibile anche nell'area riservata del sito del gruppo, informerà il contribuente circa le sorti della sua adesione, l'importo da pagare, gli eventuali debiti che non possono rientrare nella rottamazione e la data entro la quale pagare. Inoltre, conterrà il bollettino di pagamento.

Più nel dettaglio, le comunicazioni possibili sono cinque: AT – accoglimento totale della richiesta, AP – accoglimento parziale della richiesta, AD – non c'è nulla da pagare, AX – non si deve pagare nulla per i debiti rottamabili ma c'è un debito residuo per i debiti non rottamabili, RI – rigetto della richiesta.

Pagamento parziale

Per il contribuente che riceve la comunicazione è ancora possibile pagare soltanto alcuni debiti compresi nella stessa recandosi presso gli sportelli Equitalia o utilizzando il servizio che sarà reso disponibile sul sito del gruppo dopo il 15 giugno.

In particolare, tale servizio permetterà di selezionare solo alcuni dei debiti per i quali si è chiesta e ottenuta la rottamazione, richiedendo e stampando esclusivamente i bollettini RAV relativi alle cartelle o agli avvisi che si intende pagare. Come riporta Ipsoa, il servizio dovrebbe chiamarsi ContiTu.

Resta ferma la procedura obbligatoria della riscossione ordinaria per tutti quei debiti che resteranno non pagati.

Modalità della rottamazione

In ogni caso, anche per chi opta per una selezione dei debiti da pagare, continuano a valere le indicazioni inserite nella domanda di rottamazione. Il che vuol dire, ad esempio, che rimangono invariati gli estremi relativi ai dati personali indicati, il numero delle rate prescelte e così via.

Leggi anche "Rottamazione cartelle: in arrivo le risposte di Equitalia"

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(14/06/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati anti crisi: divorzi a 200 euro
» A che età si può andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» A che età si può andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» Il falso ideologico
» Resto al Sud: 200mila euro da gennaio ai giovani


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF