Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Fumare in spiaggia: multe fino a 300 euro per chi butta i mozziconi

Lo prevede la legge in vigore sulla Green economy
donna fuma una sigaretta in spiaggia

di Gabriella Lax - Si avvicina l'estate e con essa arrivano le multe salate per chi commette infrazioni soprattutto in spiaggia. Gią dallo scorso anno il legislatore ha previsto multe salate per gli "sporcaccioni". 

Leggi: Mozziconi di sigarette: multe fino a 300 euro

Buttare in spiaggia, nelle acque, negli scarichi una sigaretta (che necessita di molto tempo per degradarsi) comporterą il pagamento di una sanzione amministrativa che va da un minimo di 60 euro ad un massimo di 300 euro

Green economy, multe salate per i mozziconi in spiaggia

La legge di riferimento s'intitola "Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali" (c.d. Collegato ambientale) ed č entrata in vigore il 2 febbraio 2016. La norma recita: «Č vietato l'abbandono di mozziconi dei prodotti da fumo sul suolo, nelle acque e negli scarichi. Al fine di preservare il decoro urbano dei centri abitati e per limitare gli impatti negativi derivanti dalla dispersione incontrollata nell'ambiente di rifiuti di piccolissime dimensioni, quali anche scontrini, fazzoletti di carta e gomme da masticare, č vietato l'abbandono di tali rifiuti sul suolo, nelle acque, nelle caditoie e negli scarichi». 

Saranno i comuni a dover predisporre predisporre sulle spiagge posacenere e contenitori ad hoc per questo tipo di rifiuti

Anche per i rifiuti di piccole dimensioni (come scontrini, fazzoletti di carta e gomme da masticare), si ricorda, la legge ha ulteriormente inasprito le sanzioni che vanno da un minimo di 30 euro ad un massimo di 150 euro.

(25/05/2017 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss