Sei in: Home » Articoli

Assegno divorzio: Aiaf, da quale soglia si può parlare di indipendenza?

Gli avvocati per la famiglia e i minori si interrogano sulla rivoluzionaria sentenza della Cassazione sull'assegno divorzile
donna e uomo lottano per tenere salvadanaio

di Marina Crisafi - Assegno divorzile dovuto solo se chi lo richiede "non è in grado dopo essersi dato 'da fare' di essere economicamente indipendente". È questo il cambio di orientamento (dopo quasi 30 anni) segnato dalla recentissima sentenza della prima sezione della Cassazione (la n. 11504/2017 del 10 maggio scorso), commenta l'Aiaf in una nota.

Leggi: Assegno divorzio: la Cassazione dice addio al tenore di vita

Senza dubbio una "rivoluzione copernicana, dovuta alla necessità di adattare le norme anche al mutato costume sociale che sicuramente avvicina il nostro sistema agli Stati Europei, dove però il tessuto sociale e le abitudini sono differenti dalle nostre" evidenziano gli avvocati di famiglia e dei minori.

Aiaf: indipendenza dell'ex ma da quale soglia?

Pur plaudendo al principio innovativo introdotto dalla decisione, al contempo, infatti, l'associazione fa notare che da un lato la Suprema Corte "non ha precisato quale sia la soglia oltre la quale si possa parlare di indipendenza" soglia che "probabilmente, sarà compito dei singoli giudici individuare". Dall'altro, avverte l'Aiaf, non può che sottolinearsi "il rischio di una sua strumentalizzazione, soprattutto nei casi in cui uno dei due coniugi abbia investito nel vincolo matrimoniale e nella crescita dei figli tutta la propria vita e si ritrovi - oltreché a subire la decisione dell'altro - a non avere neppure il tempo per ripensare la propria vita sotto il profilo economico".

(15/05/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La responsabilità oggettiva
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» L'accollo
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la prova del danno spetta al pazienteResponsabilità medica: la prova del danno spetta al paziente
Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figliRischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF