Sei in: Home » Articoli

Abusivismo edilizio: in arrivo nuovi criteri di priorità per le demolizioni

Approvato dalla commissione giustizia il testo che detta delle gerarchie precise per la scelta degli immobili da abbattere distinguendo tra necessità e speculazione
demolizione di un abuso edilizio

di Valeria Zeppilli – La commissione giustizia del Senato ha approvato nei giorni scorsi il d.d.l. Falanga sull'abusivismo edilizio (qui sotto allegato) che ora si appresta ad approdare in aula per l'emanazione definitiva. Non si tratta tecnicamente di un condono, ma di un provvedimento che detta delle priorità che orienteranno la fase di demolizione.

Abusivismo di necessità e di speculazione

Il provvedimento, infatti, torna nei fatti a distinguere l'abusivismo di necessità dall'abusivismo di speculazione e stabilisce sostanzialmente che, nella selezione degli immobili da demolire, il secondo verrà considerato un criterio di priorità.

In altre parole, gli immobili abusivi per speculazione dovranno essere abbattuti prima degli immobili abusivi per necessità.

Criteri di demolizione

Più precisamente, il d.d.l. disegna una vera e propria gerarchia di demolizione, stabilendo che gli immobili abusivi che devono essere abbattuti per primi sono quelli costruiti in aree demaniali o in zone soggette a vincolo ambientale, paesaggistico, sismico, idrogeologico, archeologico o storico-artistico. Solo successivamente a questi vanno demoliti gli immobili abusivi che rappresentano un pericolo per l'incolumità pubblica o privata. Infine, la demolizione potrà riguardare gli immobili abusivi in uso ai soggetti condannati per reati di stampo mafioso (restano fuori dall'elencazione, tuttavia, quelli in uso ai loro familiari).

Priorità agli immobili non abitati

Tale gerarchia si intreccia, poi, con un'altra previsione, ovverosia quella in forza della quale nell'ambito di ciascuna delle predette categorie di immobili abusivi deve essere di regola accordata priorità nella demolizione "agli immobili in corso di costruzione o comunque non ultimati alla data della sentenza di condanna di primo grado, e agli immobili non stabilmente abitati".

Competenza ai Prefetti

Il d.d.l. stabilisce, infine, anche un passaggio di competenze, stabilendo che ad occuparsi delle demolizioni saranno i Prefetti e non più i Sindaci.

Per provvedervi, gli stessi avranno a disposizione 10 milioni di euro l'anno dal 2017 al 2020.

d.d.l. abusivismo edilizio
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(18/04/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF