Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Dare del deficiente all'alunno non è reato

La Cassazione ricorda che l'ingiuria è stata depenalizzata ma la maestra dovrà rispondere sul fronte civile
insegnante arrabbiata indica con bacchetta lavagna

di Redazione – "Deficiente, stupido e zozzone". Questi gli epiteti utilizzati dalla maestra nei confronti di un alunno che però non valgono alla donna una condanna penale, giacchè il reato di ingiuria (ex art. 594 c.p.) è stato depenalizzato. Lo ha deciso la Cassazione (quinta sezione penale, sentenza n. 12768/2017, qui sotto allegata), annullando senza rinvio la condanna nei confronti di un'insegnante perché il fatto non costituisce più reato.

Evidente l'offesa all'onore e al decoro del ragazzino arrecata dalla maestra della scuola elementare, che viene condannata in primo e in secondo grado.

Tuttavia, di fronte agli Ermellini, la donna rimane impunita.

A salvarla, infatti, non è la tesi del proprio legale - che lamentava la mancata valutazione da parte della sentenza impugnata della sussistenza della ritorsione e provocazione, posto che l'insegnante era perennemente vessata dai comportamenti indisciplinati del minore e dei compagni di classe - bensì il d.lgs. n. 7/2016 che ha sancito la depenalizzazione dell'ingiuria, che non è più prevista dall'ordinamento come reato.

Resta aperto, ovviamente, il fronte civile. Ma in ordine alle relative statuizioni, la corte aderisce alla pronuncia delle sezioni unite (cfr. sentenza n. 46688/2016) che, componendo un contrasto giurisprudenziale, "hanno affermato il principio secondo cui, in caso di sentenza di condanna relativa a un reato successivamente abrogato e qualificato come illecito civile ai sensi del d.lgs. 15 gennaio 2016, n. 7, il giudice dell' impugnazione, nel dichiarare che il fatto non è più previsto dalla legge come reato, deve revocare anche i capi della sentenza che concernono gli interessi civili". Rimane fermo, dunque, per i genitori dell'alunno il diritto di agire "ex novo nella sede naturale, per il risarcimento del danno e l'eventuale irrogazione della sanzione pecuniaria civile".

Cassazione, sentenza n. 12768/2017
(19/03/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: l'avvocato va pagato rapidamente
» Cassazione: tre giorni di corteggiamento pressante è stalking
» L'impugnazione della rinuncia all'eredità da parte dei creditori
» Pensioni: cos'è l'isopensione e qual è la convenienza
» Espulsione dallo Stato, permessi di soggiorno e unioni di fatto


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss