Sei in: Home » Articoli

Giovani: arriva la pensione di cittadinanza

Per il presidente della Commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano, appare una "misura di civiltà"
giovani apprendisti in aula
di Lucia Izzo - La necessità di un intervento a favore dei giovani con carriere discontinue, soprattutto in previsione del passaggio al sistema interamente contributivo, appare come un impegno sempre più impellente. 

Già alla fine di febbraio, il ministro del Lavoro aveva incontrato i segretari generali dei sindacati per iniziare a discutere i profili della cosiddetta "fase 2" della riforma pensionistica, che esecutivo, Cgil, Cisl e Uil avevano già approntato lo scorso autunno in un verbale d'intesa (per approfondimenti: Pensione giovani: si pensa a una garanzia dello Stato).

Un'occasione di confronto cruciale per definire le ulteriori misure di riforma del sistema di calcolo contributivo, per renderlo più equo e flessibile, per affrontare il tema dell'adeguatezza delle pensioni dei giovani lavoratori con redditi bassi e discontinui, per favorire lo sviluppo del risparmio nella previdenza integrativa, mantenendo la sostenibilità finanziaria e il corretto rapporto tra generazioni insiti nel metodo contributivo.

I giovani lavoratori, spesso precari se non del tutto disoccupati, o vincolati al sistema dei voucher, vedono la misura dei contributi versati condizionata dal fenomeno delle "carriere discontinue". Il nodo sulle pensioni è tornato al centro dell'attenzione proprio nei giorni scorsi, rilanciato dal presidente della Commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano (Pd): sotto la lente ci sono, in particolare, i giovani che hanno cominciato a lavorare dopo il 1° gennaio 1996. 

L'ex ministro del lavoro, considerando l'imminente prosecuzione del confronto tra Governo e sindacati, ha battuto la proposta della pensione di cittadinanza: in un'intervista al Manifesto, ha rammentato che "È prevista nella proposta di leg­ge 2100 Gnecchi­-Damiano: prevede che per tutti i lavoratori andati in pensione dal '96 con il contributivo si assicuri un assegno base pari a quello sociale, circa 500 euro. Poi ciascun lavoratore aggiungerà i suoi contri­buti: ma questo assegno base è finanziato dalla fiscalità generale e in parte dalla stessa previ­denza" ha ricordato Damiano.

La pensione di cittadinanza apparirebbe come una misura di civiltà, destinata a evitare che il futuro possa vedere un "esercito di nuovi poveri", poiché "chi ha alle spalle una carriera fatta di contratti a termine, licenziamenti, voucher, stage, non avrà i contributi sufficienti per un assegno dignitoso": bisognerebbe, sostiene ancora il presidente della Commissione, prendere come standard di dignità un assegno di 1500 euro lordi, integrando la parte mancante a tale soglia.

Un principio che, rammenta, è contenuto nel verbale firmato da governo e Cgil, Cisl e Uil dello scorso settembre. Ma come e dove trovare le risorse sufficienti? "Le risorse si possano trovare anche modificando i meccanismi interni allo stesso sistema previdenziale. Ad esempio con il contributivo non esiste più l'integrazione al minimo: reinvestiamo quei mi­liardi per la pensione dei giova­ni di oggi" chiosa Damiano.

Si propone, in sostanza, di rivedere la normativa sul lavoro e sugli ammortizzatori sociali, in particolare partendo dall'art. 18 che, "per quanto riguarda i licenzia­menti collettivi e quelli discipli­nari, dovrebbe vedere il ripristino in alcuni ca­si la reintegra". Ancora, sarebbe opportuno "rendere strutturali gli incentivi alle as­sunzioni a tempo indetermina­to in modo da rendere questo contratto meno costoso di quel­li flessibili". 
(06/03/2017 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF