Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: addio all'Oua, chi pagherà i debiti degli ordini?

L'Organismo ha oltre 4 milioni di crediti nei confronti degli ordini professionali che a suo tempo hanno riscosso dagli iscritti
agente riscossione equitalia pignora casa debitore che sviene

di Marina Crisafi - Ammontano a quasi 4 milioni di euro i contributi non riscossi dall'Organismo unitario dell'avvocatura che nell'ottobre scorso, ha ceduto il passo al nuovo Organismo congressuale forense (leggi: "Avvocatura: addio all'Oua nasce la nuova governance"). 

Somme che, stando ai dati dell'ultimo rendiconto del 2016, riportato da ItaliaOggi, l'Oua avrebbe maturato dal 2004 al 2016 (di cui solo 1 milione nell'ultimo anno) e che ora sarebbe pronto a riscuotere.

I crediti dell'ex organo di rappresentanza politica dell'avvocatura sono maturati nei confronti degli ordini forensi territoriali, che a loro volta li hanno riscossi da parte degli avvocati iscritti, attraverso la quota associativa versata ogni anno all'ordine di appartenenza.

Così mentre una parte degli ordini è in perfetta regola, alcuni invece sono in una posizione debitoria, non avendo versato le somme all'Oua.

I dati, riporta ancora Italiaoggi, sono contenuti nel documento di rendiconto pubblicato sul sito dell'ordine degli avvocati di Torino, dove è compreso anche il bilancio con l'indicazione degli ordini territoriali e delle rispettive situazioni debitorie e non.

Resta ora da capire, in questa fase di passaggio delle consegne, gestita dall'ex presidente Mirella Casiello, le iniziative che l'Oua deciderà di intraprendere nei confronti degli ordini morosi.

(24/02/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'è e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Autovelox: addio multa sul rettilineo senza l'altAutovelox: addio multa sul rettilineo senza l'alt

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF