Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: al via le candidature per le camere arbitrali

Firmato dal Ministro della giustizia il d.m. recante le modalità per la costituzione delle camere arbitrali
gruppo di avvocati

di Valeria Zeppilli – Il guardasigilli Orlando ha firmato il decreto recante le modalità per la costituzione della camere arbitrali (qui sotto allegato), il quale ora attende solo di essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

La grande novità per gli avvocati è rappresentata dalla possibilità, nel caso in cui siano disponibili a svolgere la funzione di arbitri e conciliatori, di comunicare la loro intenzione alla camera del consiglio dell'ordine e di essere così iscritti nel relativo elenco.

Per divenire professionisti specializzati per le camere arbitrali forensi, in ogni caso, occorrerà documentare le proprie competenze in materia e la sussistenza dei requisiti richiesti a tal fine.

Si precisa, a tal proposito, che la nomina ad arbitri e conciliatori non è possibile per a- i membri e i revisori che appartengono al consiglio dell'ordine presso cui è istituita la camera arbitrale e di conciliazione, b- i componenti del consiglio direttivo e della segreteria, c- i dipendenti della camera arbitrale e di conciliazione e della segreteria e d- i soci, gli associati, i dipendenti di studio, gli avvocati che esercitano negli stessi locali, il coniuge, la persona unita civilmente, il convivente, il parente in linea retta e tutti coloro che hanno stabili rapporti di collaborazione con le persone indicate alle lettere a, b e c.

Una volta ricevute le domande ammissibili, i consigli direttivi procederanno ad iscrivere gli avvocati nell'apposito elenco, suddiviso in più aree professionali.

I professionisti, saranno quindi, designati a rotazione quali arbitri o conciliatori, sfruttando dei sistemi informatizzati che garantiscono l'imparzialità della nomina.

Il decreto del ministro della giustizia chiarisce anche come saranno liquidate le parcelle degli avvocati specializzati per le camere arbitrali forensi: utilizzando i parametri di cui al d.m. n. 55/2014. A provvedervi sarà la stessa camera arbitrale.

D.M. camere arbitrali
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(17/02/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il modello per la comparsa conclusionale
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Regime probatorio: cosa cambia con la legge concorrenza
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tantoAffido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF