Sei in: Home » Articoli

Riforma processo civile: Garante, "Non eliminare tribunali per minori"

L'appello al Parlamento del Garante dell'Infanzia per dire no allo smantellamento del tribunale per i minorenni prevista dalla riforma in discussione
ragazzo minorenne in manette

di Marina Crisafi - "No allo smantellamento del tribunale per i minorenni e della procura minorile". Sì, invece "ad una riforma della giustizia a misura di bambino". È questo l'appello rivolto al Parlamento dal Garante nazionale per l'Infanzia e l'adolescenza, Filomena Albano, che interviene a gamba tesa sulla riforma del processo civile, in questi giorni in discussione al Senato (e già approvata dalla Camera nei mesi scorsi). Una riforma che rischia di indebolire "il sistema di protezione dell'infanzia" in un momento storico in cui invece occorrerebbe aumentarlo, è il grido accorato della Albano contro le soppressioni di tribunali minorili e relative procure previste dal disegno di legge a favore di sezioni specializzate del tribunale ordinario.

In questo modo, denuncia il Garante, "si cambia il nome ma non la sostanza: non solo, non si interviene per sanare la frammentazione delle competenze ma si rischia di produrre una grave dissoluzione del bagaglio di enorme competenza ed esperienza nella materia dei diritti delle persone di minore età". Fattori questi nient'affatto secondari "quando si tratta della tutela delle persone di minore età" sottolinea ancora l'Albano, citando ad esempio, il lavoro della procura minorile, con le sue competenze sia in ambito penale che civile, "per tutelare i minori privi di adeguate figure genitoriali o sottoposti a situazioni pregiudizievoli. Per non parlare dei compiti di sorveglianza delle comunità in cui vivono minori fuori dalla famiglia di origine, la cui regolarità è di vitale importanza per la buona riuscita dei percorsi di sostegno e per evitare abusi ai danni dei soggetti deboli".

In sostanza, di fronte alle nuove sfide, rese urgenti, tra l'altro, dall'aumentata povertà e dall'arrivo di tanti minori migranti, necessitano – ribadisce la Garante - "magistrati dediti in via esclusiva ai compiti di tutela di bambini e ragazzi, anche per realizzare la funzione di filtro rispetto a tante istanze di disagio minorile". Per cui, il rischio che il sistema esistente preposto a tutela delle persone di minore età, ''conquista di civiltà'' per il nostro Paese, conclude la Albano – "possa essere compromesso deve assolutamente essere evitato''.

Vai allo speciale sulla riforma del processo civile

(30/01/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF