Sei in: Home » Articoli

Militari e trasferimento d'autorità senza ragioni comprensibili

Nota di commento alla sentenza del Tar Napoli n. 1591 del 3 ottobre 2016
militare mostra proprio alloggio
Avv. Francesco Pandolfi - La sentenza in commento offre un prezioso spunto per capire se il trasferimento dei militari è un istituto a se stante oppure risponde a regole amministrative generali in materia di organizzazione e gestione del personale pubblico (così come accade per altri settori del pubblico impiego).

Il problema


Tutte le sentenze infatti ci dicono che il trasferimento dei militari, poiché rientra nel genere degli ordini, è sottratto alla disciplina generale sul procedimento amministrativo e non richiede motivazioni particolari.

Ma su questo passaggio, il ragionamento successivo del Tar è interessante.

Stando all'art. 52 co. 3 della Costituzione l'ordinamento militare, per quanto caratterizzato da un rapporto di gerarchia e da un evidente obbligo di obbedienza, è pur sempre inserito all'interno del sistema democratico italiano e si conforma allo spirito democratico della Repubblica.

Il risultato di questa riflessione è: anche l'amministrazione della difesa deve osservare, nell'organizzazione e gestione del proprio personale, i principi e criteri che vengono normalmente utilizzati per tutti gli altri rapporti tra Stato, apparato e cittadini, essenziali per la stessa concezione di uno Stato democratico.

All'atto pratico quindi, in caso di trasferimento d'autorità, il senso del discorso è il seguente.

Questo tipo di trasferimento, pur non avendo bisogno di particolare motivazione sul contemperamento degli opposti interessi, dovrà comunque contenere almeno l'indicazione dei presupposti di fatto e di diritto che lo sorreggono.

Il caso è stato portato all'attenzione del Tar da un Tenente colonnello, da 13 anni in servizio presso la stessa sede, trasferito senza ragioni comprensibili presso una sede lontana rispetto a quella di provenienza, in modo tale da impedire un qualsiasi bilanciamento con gli interessi del destinatario vista la mancanza di indicazioni sull'assoluta necessità di reimpiego della sua professionalità solo presso la nuova sede di servizio, nonostante nel frattempo fosse intervenuta la soppressione di un incarico come Capo sez. sanità e gravi patologie.

La soluzione dei Magistrati


Il Tribunale ha accolto la domanda cautelare proposta dal militare ed ha ordinato all'amministrazione di riesaminare il provvedimento di trasferimento d'autorità, fermo restando nelle more la permanenza del ricorrente presso l'attuale sede di servizio.

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590 francesco.pandolfi66@gmail.com

Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(31/01/2017 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF