Sei in: Home » Articoli

PCT: l'attestato del cancelliere prova ricezione e contenuto della pec

Per la Cassazione, poi, la Rac dimostra la consegna del messaggio sino a prova contraria
simbolo di una mail ricevuta

di Valeria Zeppilli – La concreta applicazione del processo civile telematico continua a ricevere contributi fondamentali dalle aule di giustizia, che stanno intervenendo in diverse occasioni a chiarire alcuni punti controversi della disciplina che lo regola.

Recentemente, ad esempio, con la sentenza numero 1907/2017 del 25 gennaio (qui sotto allegata), la Corte di cassazione ha precisato che mediante l'attestazione telematica di cancelleria, basata su dati desunti dai registri di cancelleria, è possibile provare sia la ricezione di una comunicazione telematica che il suo contenuto.

Peraltro, anche se non è dotata della certezza pubblica che caratterizza gli atti che fanno fede sino a querela di falso, per i giudici la ricevuta di avvenuta consegna (Rac) che il gestore di posta elettronica certificata del destinatario rilascia è comunque idonea a dimostrare, nell'ambito delle notifiche e delle comunicazioni telematiche nei procedimenti civili, la consegna del messaggio nella casella sino a prova contraria.

Nel caso di specie, ad essere contestata era la tempestività dell'impugnazione proposta avverso una sentenza con la quale il giudice di primo grado aveva rigettato l'impugnazione di un licenziamento disciplinare proposta da un lavoratore.

Per la Corte, considerata la predetta rilevanza della Rac e dell'attestazione telematica di cancelleria prodotta in giudizio, il computo dei giorni non lasciava scampo: il termine di 30 giorni previsto per l'impugnazione non era stato rispettato e correttamente il giudice del merito ha dichiarato l'appello inammissibile.

Il licenziamento, quindi, resta confermato.

Corte di cassazione testo sentenza numero 1907/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/01/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Pensioni: Ape volontaria, pronte le convenzioni
» Diritto di recesso: cos'è e come si esercita
In evidenza oggi
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione
Autovelox: addio multa sul rettilineo senza l'altAutovelox: addio multa sul rettilineo senza l'alt

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF