Sei in: Home » Articoli

Gioco elettronico: doppio reato per chi acquista e usa una macchinetta alterata

Risponde del reato di frode informatica oltre che di ricettazione chi acquista e utilizza un apparecchio telematico alterato da altri
truffa furto pirateria frode informatica

Avv. Edoardo Di Mauro - Chi acquista una macchina da gioco elettronico il cui sistema telematico sia stato alterato risponde del reato di frode informatica oltre che del reato di ricettazione? La risposta è affermativa nel caso l'acquirente utilizzi quella macchina, dopo l'acquisto pur non essendo concorso nella condotta di alterazione. Il reato si configura infatti ogni volta che si attivi il meccanismo fraudolento da altri installato. Lo chiarito la Cassazione penale con la recente sentenza n. 54715/2016.

La frode informatica. Ai sensi dell'art. 640 ter c.p. chiunque alterando in qualsiasi modo il funzionamento di un sistema informatico o telematico o intervenendo senza diritto con qualsiasi modalità su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematico ad esso pertinenti, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con danno altrui, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 51 a euro 1.032.

Il reato di frode informatica è procedibile a querela di parte offesa, salvo talune circostanze aggravanti indicate dalla legge per cui si procede d'ufficio.

Invece è punibile per il reato di ricettazione (art. 648 c.p.), e quindi con la reclusione da due a otto anni e con la multa da euro 516 a euro 10.329 chi al fine di procurare a sé o ad altri un profitto, acquista od occulta denaro o cose provenienti da un qualsiasi delitto (come la frode informatica, nel caso di specie).

Nel caso esaminato l'acquirente aveva commesso prima il reato di ricettazione con l'acquisto, e poi quello di frode con l'utilizzo della macchina da gioco.

Avv. Edoardo Di Mauro

Per informazioni e assistenza:

edodim83@gmail.com

tel. 333 4588540

Cassazione, sentenza n. 54715/2016
Edoardo Di MauroEdoardo di Mauro - articoli
E-mail: edodim83@gmail.com
Avvocato, si occupa di diritto amministrativo, penale, contratti, diritto dell'informatica ed internet.
(13/01/2017 - Edoardo Di Mauro)
In evidenza oggi:
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE