Sei in: Home » Articoli

Rivelare le "corna" in giudizio non è reato

Per la Cassazione non c'è diffamazione se le parole usate non hanno carattere dispregiativo o umiliante
ragazza fa le corna con le mani

di Valeria Zeppilli – Rivelare il tradimento altrui nel corso di un'udienza non è necessariamente diffamazione.

Questo è quanto emerge dalla sentenza numero 54938/2016 depositata il 27 dicembre dalla quinta sezione penale della Corte di cassazione, a conclusione di un procedimento a carico di una donna instauratosi a seguito di alcune affermazioni pronunciate nel corso della sua escussione quale testimone.

In particolare l'imputata, nell'ambito di un procedimento per abusi su minore a carico del figlio, aveva dichiarato durante il suo esame testimoniale che sua nuora aveva intrattenuto una relazione extraconiugale.

Trascinata in giudizio, la suocera è stata "salvata" dai giudici, che hanno affermato che il suo comportamento non è idoneo a rappresentare una fattispecie di reato.

Innanzitutto, infatti, nel corso del processo non è mai stata contestata o messa in discussione la veridicità di quanto dalla stessa affermato quale teste, con la conseguenza che il tradimento deve reputarsi effettivamente avvenuto.

Le parole usate e "incriminate", poi, si limitarono a riferire solo fatti che la suocera conosceva e non ebbero carattere dispregiativo o umiliante, ma rimasero funzionali e proporzionate a quanto sollecitato dal perito. Non furono insomma pronunciate delle espressioni "gravemente infamanti e inutilmente umilianti" idonee a trasmodare in una mera aggressione verbale, ma fu rispettato il requisito della continenza quale "elemento costitutivo della causa di giustificazione del diritto di critica".

La sentenza con la quale l'imputata era stata condannata alla pena di 500 euro di multa per il reato di diffamazione, quindi, va annullata senza rinvio perché il fatto non sussiste.

Corte di cassazione testo sentenza numero 54938/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(29/12/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Arriva la riforma del processo civile
» Condominio: condannato chi urla di notte per far smettere di abbaiare i cani
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss