Sei in: Home » Articoli

Un altro "Salva banche". Approvata la manovra per evitare il bail in

Stanziati 20 miliardi di euro per finanziare eventuali manovre a sostegno del sistema bancario
una moneta su tutte le altre che evoca il concetto di holding

di Valeria Zeppilli – La Camera e il Senato hanno dato il via libera alla richiesta fatta dal Governo di aumentare sino a 20miliardi di euro il debito, al fine di provvedere al finanziamento di eventuali manovre a sostegno del sistema bancario.

In particolare, con 389 voti favorevoli della Camera e 221 voti favorevoli del Senato, si è raggiunta la maggioranza assoluta richiesta per porre in essere una simile manovra.

Intervento precauzionale

In realtà, come il ministro Padoan non ha omesso di sottolineare, la cifra stanziata non è sufficiente a dare un "impatto segnaletico", ma con somme più alte si sarebbe disegnato il quadro di un sistema in crisi e non di un sistema nel suo complesso solido come in realtà, eccezion fatta per alcuni casi critici, è quello italiano.

Tuttavia, tramite tale intervento è stato possibile arginare i rischi di danni incalcolabili che potrebbero derivare da un potenziale bail in ai risparmiatori e alle imprese alle quali è destinato il credito.

L'ottica, insomma, è solo quella precauzionale: i 20 miliardi di euro non saranno per forza utilizzati, ma saranno destinati agli istituti eventualmente in difficoltà con provvedimenti specifici e successivi.

Di conseguenza resta invariato il percorso teso ad adeguare strutturalmente i conti pubblici, da fare in coordinamento con l'Unione Europea.

I dubbi di Altroconsumo

Subito dopo l'approvazione della manovra, sono arrivate le prime perplessità "ufficiali".

Altroconsumo, infatti, si è rivolto ai presidenti di Consob e BCE con una domanda chiara: l'aumento di 20 miliardi è una soluzione equa? È giusto che l'onere del salvataggio gravi in capo ai contribuenti?

Per l'organizzazione dei consumatori, la principale del nostro paese, sarebbe più giusto che le responsabilità fossero assunte dalle società coinvolte e dalle autorità di controllo.

Oltre al fatto che è praticamente scontato che il beneficiario principale dello stanziamento sarà Mps: per Altroconsumo, infatti, è molto difficile che il tentativo di salvataggio privato tentato dal gruppo e giunto alla resa dei conti vada a buon fine.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(21/12/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Conto corrente cointestato: può essere donazione indiretta
» Resto al Sud: 200mila euro da gennaio ai giovani
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?
» Mantenimento figli: le linee guida del Cnf sulle spese ordinarie e straordinarie


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF